320 euro a famiglia contro la povertà assoluta

L’Istat aveva lanciato l’allarme nei giorni scorsi. L’Italia aveva toccato il record della povertà assoluta, con 4,6 milioni di cittadini in grandissime difficoltà economiche.

E allora ieri contro la povertà il ministero del Lavoro ha lanciato il Sostegno per l’inclusione attiva (Sia), una misura destinata alle famiglie in difficoltà, che in media dovrebbe assicurare 320 euro a nucleo, coprendone 180-220mila, per un totale di beneficiari pari a circa 800-000- un milione di persone, metà dei quali minorenni.

Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti (nella foto in basso), ha sottolineato che il decreto interministeriale per l’avvio del Sostegno è stato “pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale” (12 articoli in tutto).

 

a-giuliano

Le richieste pronte a partire a settembre

Le richieste per ottenere l’aiuto potranno essere presentate a partire dal 2 settembre.
Il beneficio – secondo questo progetto – dovrebbe essere concesso bimestralmente, per un ammontare pari a 80 euro mensili per ciascun familiare, per un massimo di 400 euro nel caso di nuclei con 5 o più componenti.

Servono particolari requisiti economici

Per ottenere il beneficio bisognerà soddisfare determinati requisiti economici (Isee inferiore o uguale a 3 mila euro) e familiari (presenza almeno di un minorenne, oppure di un figlio disabile o ancora di una donna in stato di gravidanza). Inoltre occorrerà aderire a un progetto personalizzato di attivazione sociale e lavorativa, una sorta di accompagnamento per uscire dalla condizione di povertà.

I “doveri” per i beneficiari

Quindi le famiglie saranno chiamate a impegnarsi nella ricerca di un lavoro, ma anche nel raggiungimento di obiettivi di istruzione (frequenza scolastica) o sanitari (vaccinazione).

Sarà valutata la situazione di ciascuno, assegnando un punteggio a seconda dei carichi familiari e dei redditi. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha sottolineato come il decreto interministeriale per l’avvio del Sostegno sia stato “pubblicato ieri in Gazzetta Ufficiale” (12 articoli in tutto).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto