730 precompilato: c’è tempo fino a oggi per correggere gli errori

Dichiarazione precompilata trasmessa per errore con dati sbagliati? Per correggere, annullando quella già inviata, c’è tempo fino a oggi, martedì 20 giugno, e una volta apportate le modifiche è possibile trasmettere il 730 nuovo. Attenzione, però, per i cittadini c’è una sola possibilità di correzione. Se si rendesse necessario intervenire ancora, occorre passare dai Caf.

Come si procede

Per annullare il 730, si accede al sito dell’Agenzia delle entrate entrando nella sezione “Dichiarazione 730 inviata” e cliccando poi su “Annulla la dichiarazione”. I contribuenti devono avere a disposizione il codice Pin. Una volta fatto, tutti i dati inseriti vengono cancellati e si può procedere con la nuova dichiarazione precompilata da spedire entro il 24 luglio per il 730.

Se si salta la scadenza

Nel caso in cui si arrivasse tardi e la scadenza del 20 giugno fosse passata, si dovrà ricorrere al 730 integrativo, ma solo avvalendosi ancora una volta del Caf o di un professionista abilitato. Il termine ultimo per mettersi in regola è fissato al 25 ottobre.

730 precompilato: si parte con la modifica, le notizie del 2 maggio 2017

Al via da oggi, martedì 2 maggio 2017, allo modifiche al 730 precompilato, disponibile solo per la consultazione dallo scorso 18 aprile. Per apportare variazioni c’è tempo fino al prossimo 24 luglio e da quest’anno trovato posto spese, oltre alle spese per i farmaci già introdotte, per psicologi, infermieri, ottici, ostetriche, radiologi e strutture organizzate non accreditate. Si aggiungono anche le spese veterinarie.

Gli altri benefici

Dal 18 aprile, come già detto, era possibile accedere alla dichiarazione precompilata 2017. Tante le novità contenute nel modello 730 per il 2017, che vanno dai premi di risultato allo school bonus.

Assicurazioni per disabili gravi

A decorrere dal periodo d’imposta 2016, per le assicurazioni aventi per oggetto il rischio di morte finalizzate alla tutela delle persone con disabilità grave, è elevato a euro 750 l’importo massimo dei premi per cui è possibile fruire della detrazione del 19 per cento.

School bonus

Per le erogazioni liberali di ammontare fino a 100.000 euro effettuate nel corso del 2016 in favore degli istituti del sistema nazionale d’istruzione è riconosciuto un credito d’imposta pari al 65 per cento delle erogazioni effettuate che sarà ripartito in 3 quote annuali di pari importo.

Detrazione spese per le giovani coppie

Alle giovani coppie, anche conviventi di fatto da almeno 3 anni, in cui uno dei due componenti non ha più di 35 anni e che nel 2015 o nel 2016 hanno acquistato un immobile da adibire a propria abitazione principale, è riconosciuta la detrazione del 50 per cento delle spese sostenute, entro il limite di 16.000 euro, per l’acquisto di mobili nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale.

Detrazioni Iva del 2016

Riguarda l’acquisto di abitazioni in classe energetica A o B – A chi nel 2016 ha acquistato un’abitazione di classe energetica A o B è riconosciuta la detrazione del 50 per cento dell’Iva pagata nel 2016.

Utilizzo del credito da integrativa

Da quest’anno è possibile indicare l’importo del maggior credito o del minor debito, non già chiesto a rimborso, risultante dalla dichiarazione integrativa a favore presentata oltre il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno d’imposta successivo.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto