Massimo Bongiovanni nuovo presidente EuroCoop per il biennio 2016-2018

Un organismo europeo cooperativo che rappresenta oltre 30 milioni di consumatori ha ora un Presidente italiano. Si tratta di Massimo Bongiovanni (nella foto in basso), Vice Presidente di Ancc-Coop, che è stato nominato a Rotterdam nell’ultima Assemblea Generale, nuovo Presidente di EuroCoop per il biennio 2016/2018. La nomina è avvenuta all’unanimità dei componenti della Assemblea.

aaa-bongiovanni

Un presidente di 64 anni che è un buon manager
Bongiovanni,  64 anni, vanta una collaudata esperienza manageriale e associativa nel movimento cooperativo. Il nuovo incarico in EuroCoop è parte della grande comunità europea delle cooperative di consumo i cui membri rappresentano 19 Paesi, con un giro d’affari totale che si attesta intorno ai 76 miliardi di euro, 500.000 dipendenti e 36.000 punti vendita in tutta Europa.

 

Punto di raccordo con le istituzioni comunitarie

EuroCoop è infatti l’organismo di rappresentanza della cooperazione di consumatori  presso le istituzioni e le organizzazioni comunitarie: sia il Parlamento e la Commissione Europea che le organizzazioni sindacali, quelle imprenditoriali, le associazioni dei consumatori, il mondo dell’ambientalismo.

 

L’importanza di seguire i provvedimenti legislativi dell’Ue

Visto il crescente ruolo della disciplina comunitaria in materia di provvedimenti legislativi, risulta quanto mai evidente  la sua importanza strategica, oltre alla necessaria e opportuna attività di rappresentanza, intesa anche in funzione propositiva, ovvero volta a sollevare temi e problemi nell’interesse ovviamente delle cooperative e dei milioni di soci rappresentati.

“La Cooperazione di consumatori, a dimensione europea, rappresenta da sempre uno dei punti di riferimento delle Istituzioni – ha sottolineato Massimo Bongiovanni nel suo intervento di insediamento – Eurocoop è nata nel 1957, lo stesso anno della firma dei trattati di Roma, ed è stata una delle prime organizzazioni non governative a costituirsi in Bruxelles. Oggi a fronte delle sfide globali, sulla nutrizione  e sulla sicurezza alimentare, sulla gestione delle implicazioni del trattato TTIP, sull’ambiente anche a seguito degli accordi di Parigi, sulla innovazione che sta cambiando il mondo della distribuzione, la dimensione europea acquista un valore ancora più significativo. Pensare di chiudersi ognuno nel proprio particolare non solo è antistorico, ma controproducente”.
 

Nuove realtà oggi in EuroCoop

Negli ultimi anni, in EuroCoop,  oltre al tradizionale nucleo originale di cooperative , si sono aggiunte nuove realtà. In particolare, ma non solo, dall’Est dell’Europa. Ogni realtà, pur nella specificità dei propri Paesi, si riconosce nei comuni valori cooperativi e rappresenta un grande potenziale consumerista e imprenditoriale.  Una realtà quindi di grande importanza, che va ulteriormente consolidata e sviluppata.

 

Il commento positivo di Mauro Lusetti (Legacoop)

A commento della nomina la dichiarazione di Mauro Lusetti, Presidente di Legacoop: “Questa nomina costituisce un riconoscimento importante del ruolo che la cooperazione di consumo del nostro Paese ha saputo conquistare in Europa. Con Coop Alleanza 3.0 abbiamo dato vita ad una realtà leader in Italia e alla più grande cooperativa a livello continentale: un’operazione capace di dotare l’intero movimento di una capacità di investimento e di innovazione che costituiscono un driver fondamentale per il futuro”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto