Integratore “anticancro”, l’Istituto superiore di sanità: “Non è provato”

È un integratore alimentare, ma si presenta come un prodotto dimagrante che avrebbe addirittura proprietà antitumorali e sarebbe in grado di intervenire sul morbo di Alzheimer. Si chiama Trigno M e di lui scrive l’Istituto superiore di sanità che, in un comunicato, afferma di non aver “mai in alcun modo sponsorizzato l’integratore alimentare […] a base di estratto di prunus+Cam. L’Istituto precisa che tale integratore non è un farmaco e che non esistono studi che confermano la sua efficacia terapeutica. Sono stati effettuati per ora solo studi preclinici propedeutici allo studio sull’animale”.

aaariccardi

Diffide per chi parla di “azione antineoplastica”

Sulla questione, segnalata dal FattoAlimentare.it, è intervenuto anche il presidente dell’Iss, Walter Ricciardi (nella foto sopra): “Non è stata mai tradizione dell’Istituto né lo sarà mai illudere i pazienti con la diffusione di notizie su studi assolutamente preliminari. Diffido chiunque a utilizzare il nome dell’Iss per operazioni commerciali”. Sono seguite diffide a usare espressioni come “mirata azione antineoplastica” perché “suscettibili di equivoci”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto