Fabio e Mingo interrogati per 6 ore a Bari: “Abbiamo chiarito tutto”

Fabio e Mingo, gli ex inviati di Striscia la Notizia licenziati in diretta dal Gabibbo, sono stati ascoltati per 6 ore ieri sera a Bari, in Procura, dal pm Isabella Ginefra.

Francesco Maria Colonna, legale degli attori baresi, dopo la lunga deposizione si è detto “molto soddisfatto”. E ha aggiunto: “Ci saranno ancora indagini e la procura cercherà ulteriori elementi per chiarire la querelle”.

 

Hanno chiesto loro di essere ascoltati

La richiesta di essere ascoltati dagli inquirenti – che indagano sull’ipotesi di simulazione di reato – era stata presentata nei giorni scorsi da Colonna e i due ex inviati pugliesi “hanno risposto ampiamente a ogni domanda”.

All’atto istruttorio ha preso parte anche Corinne Martino, moglie di Mingo e amministratrice della società di video produzioni il cui contratto è stato rescisso da Striscia la notizia dopo la scoperta di due servizi taroccati (uno su un falso avvocato ed uno su una falsa cartomante).

 

Attesa una conferenza stampa

Nelle prossime ore Fabio e Mingo dovrebbero fare una conferenza stampa per spiegare la loro posizione. Finora, nelle poche battute anticipate dopo il licenziamento, hanno sempre detto di essere “attori” e non”inviati” e di aver concordato sempre tutto con gli autori di Striscia la notizia.

 

Il Codacons parte civile

Intanto il Codacons e l’associazione European Consumers si sono costituiti parte civile a difesa dei teleutenti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto