Il segreto è l’alimentazione, chiedete al celiaco Nole Djokovic

Messaggio agli sportivi: se doveste arrivare in un punto della vostra “carriera” (più o meno stellare) in cui non riuscite più a migliorare, non mollate! La possibilità di raggiungere il massimo anche quando meno l’aspettate può essere dietro l’angolo.

Basta crederci e soprattutto tentare di cambiare, che si sa, è il tentativo più arduo.
Capita spesso di assistere ad ascese improvvise o miglioramenti esponenziali di prestazioni di alcuni sportivi di alto livello.

Certo, il talento è alla base di tale scalata al successo ma molto spesso, dietro, si nascondono alcuni “segreti” che rendono il campione più “umano”. A far parte di questi segreti ci può essere un cambiamento di stile di vita o ancor più spesso di alimentazione.

È emblematico il caso del numero 1 del mondo del tennis Novak Djokovic (nella foto), recente vincitore degli Internazionali di Roma.

 

“Il punto vincente”
Ho avuto modo di leggere parte del suo “Il punto vincente” (edito da Numeri Primi), libro nel quale il buon “Nole” guida il lettore lungo un percorso di 14 giorni per eliminare stress, dolori, chili e sentirsi più in forma.

 

Il mantra del tennista

La frase che Djokovic ripete nel suo libro è “Non c’è bisogno di essere un super atleta per cominciare a sentirsi meglio”. Sante parole Novak!
Breve riassunto sulla vita del serbo per essere più convincente: Novak Djokovic, classe 1987, ha cominciato la sua carriera professionistica da tennista nel 2003.

Nel 2010, nell’anno che definisce “più brutto della carriera”, durante il lungo match degli Australian Open perso da Tsonga per problemi intestinali, scopre di essere celiaco. Mai scoperta fu più miracolosa. Djokovic, infatti, nel 2011 gioca la stagione che è definita dai giornalisti “la miglior stagione nella storia del tennis”, ed è tuttora incontrastato numero uno del mondo. Cosa è cambiato? Il suo regime alimentare…

 

Non solo Djokovic
Scoprire di essere intollerante al glutine ha portato il tennista serbo a cambiare totalmente alimentazione: via pasta e pane, dentro soia e riso. Per di più il serbo è fautore di prodotti integrali, frutta e cereali. Fa colazione con i superfood e frullati. E i risultati, da quel lontano 2010, sono sotto gli occhi di tutti…
Nole non è stato l’unico a beneficiare di un cambiamento di stile di vita: i calciatori Denis e Aguero, i rugbisti Bergamasco e Castrogiovanni, la pluripremiata olimpica Josefa Idem, solo per citarne alcuni tra tanti,che hanno tratto un giovamento incredibile dalla loro nuova dieta.

Ascoltate il vostro corpo
Gli esempi fatti finora sono comunque quelli di super-atleti, è vero.

Questo non vuol dire che nel nostro piccolo ognuno di noi non possa trarre benefici e miglioramenti eccezionali da un diverso stile di alimentazione.

“Ascoltate il vostro corpo e usate la vostra intuizione prima di prendere decisioni sul vostro stile di vita alimentare” consiglia Djokovic. Magari, dico io, non diventerete numeri uno al mondo nè di tennis, nè di qualsiasi altro sport, ma di sicuro renderete al massimo delle vostre possibilità!
Ah, e soprattutto, vi sentirete molto meglio…

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto