Street food mania: pregi e difetti del cibo mangiato per strada

Una moda recentissima e sempre in voga fra gli italiani è quella di consumare il cosiddetto “cibo di strada”, così come definito dalla Fao (Food and Agricolture Organization): alimenti, comprese le bevande, già pronti per l’uso, venduti soprattutto per strada da commercianti ambulanti, anche in occasione di mercatini o fiere. Negli ultimi tempi, soprattutto nei centri storici delle principali città, stanno nascendo numerosi punti vendita di catene alimentari: talvolta in franchising, hanno piccole dimensioni, ma il banco è sempre affollato di clienti che sopportano lunghe file pur di assaporare la loro proposta, spesso alternativa rispetto al menu offerto dai ristoranti.

I pregi

Il pasto viene consumato in maniera alternativa, spesso mentre si visitano angoli ancora inesplorati delle città. È sfizioso in quanto l’offerta in questa modalità è davvero variegata, veloce e non impegnativo in termini di tempo come invece un pasto consumato al tavolo di un ristorante. E quest’ultimo aspetto riveste particolarmente importanza nella società odierna, in cui si è spesso di corsa.

I difetti

Non è ottimale per chi non vuole rinunciare al rituale – chiacchiere e riposo compresi – di un pasto consumato al tavolo di un ristorante. La quantità del cibo consumato in modalità street food è senz’altro limitata rispetto a quella offerta tradizionalmente. Portafoglio alla mano, quello di strada è un cibo pronto e meno economico di una preparazione casalinga: ma questo aspetto deve essere messo in conto ogni volta che si scegliere di mangiare fuori casa.

Il sito per andare a colpo sicuro

Ci si trova a Milano, a Roma o a Firenze per lavoro e non si sa dove trovare street food? Si è colti da un’irrefrenabile desiderio di mangiare un cono di patatine fritte ma non si sa dove poterle acquistare in quanto non è l’ora né si ha il tempo di sedervi al tavolo di un ristorante? Semplice, su cibodistrada.it sono mappati gli esercizi commerciali suddivisi per varie categorie: alimento (pizze-focacce, panini, dolci-gelati, fritti, carne-frattaglie, pesce, frutta-verdura, primi-cereali) oppure luogo (città o regione). La scelta è inoltre facilitata da una pratica mappa geografica interattiva.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto