Alle 11.29 è iniziata la primavera: perché è arrivata in anticipo di un giorno

Non il 21 marzo, ma il 20 a un orario preciso, le 10.29 (le 11.29 in Italia, secondo l’orario Utc, Universal Time Coordinated). È questo il momento in cui l’equinozio sancirà ufficialmente l’inizio della primavera e la rotazione terrestre intorno al Sole porterà progressivamente il pianeta a una maggiore esposizione dell’emisfero boreale ai raggi. Detto in parole più semplici, arriva la bella stagione. Ma qual è la ragione per cui l’addio all’inverno sembra anticipare di quasi 24 ore? La risposta la fornisce l’astronomia.

Lo scostamento dal calendario civile

L’orbita della Terra, infatti, non è perfettamente ellittica e si verifica un fenomeno chiamato precessione dell’asse terrestre. In base a ciò, ogni anno lo Zenit viene raggiunto con 20 minuti di anticipo, fatto che non fa più coincidere il calendario civile con quello astronomico. Se l’introduzione del calendario gregoriano ha bilanciato questo slittamento, rimane comunque un’oscillazione che fa anticipare la ricorrenza.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto