Birdman o American Sniper e Julianne Moore favoriti per la notte degli Oscar

Non è più Boyhood il film favorito a vincere l’Oscar 2015. Sembrava abbastanza scontato che il film di Richard Linklater girato nei dodici anni di crescita di un ragazzino, avrebbe vinto anche l’Academy Award.

Ma da qualche giorno i giochi si sono chiusi, le schede sono state consegnate e le voci di corridoio sono diverse. Pare che molti dei 6.000 votanti dell’Academy of Motion Pictures Art Science abbiamo storto il naso, alla fine, additando come troppo semplice un film che ha come unico punto di forza la determinazione di un regista e di un gruppo di attori che per 12 anni sono andati avanti con lo stesso progetto.

 

Ora i favoriti sono Birdman e American Sniper

A chi potrebbe lasciare il passo Boyhood? C’è chi parla di Birdman, il film di Alejandro G. Inárritu che racconta di un attore sul viale del tramonto, un tema molto caro ai votanti. Altri però azzardano a ipotizzare la vittoria di American Sniper, il film di Clint Eastwood che è riuscito nell’impresa di trasformare un cecchino in un eroe nazionale.

 

aaaajulianne

Julianne Moore in Pole position

Quest’anno probabilmente avranno la vita cambiata Julianne Moore (nella foto), che per Still Alice sul dramma dell’Alzhaimer ha vinto tutti i premi minori e con ogni probabilità si porterà a casa anche l’Oscar per la migliore attrice protagonista, J.K. Simmons e Patricia Arquette, favoriti nella categoria migliore attore e attrice non protagonisti (rispettivamente per Whiplash e Boyhood).

 

Gli attori favoriti per la statuetta di protagonisti

Più incertezza regna fra i 5 candidati alla statuetta del migliore attore protagonista, con Eddie Redmayne (La teoria del tutto) e Michael Keaton (Birdman) in leggero vantaggio rispetto a Benedict Cumberbatch (The imitation game), Steve Carell (Foxcatcher) e Bradley Cooper (American Sniper).

 

L’Italia spera in Milena Canonero

Fra i registi i giochi sembrano essere fatti fra Inárritu per Birdman e Linklater per Boyhood. All’Italia, che lo scorso anno aveva portato a casa l’Oscar per il miglior film straniero con La grande bellezza di Paolo Sorrentino, sarà concesso di sperare solo in occasione dell’annuncio della migliore costumista.
Milena Canonero ha molte chance di vittoria.

Per i costumi di Grand Budapest Hotel ha vinto intanto il Costume Designers Guild Award 2015, assegnato dai membri del sindacato dei costumisti. Oscar o no, comunque, per tutti ci sarà un premio di consolazione se non importante quanto meno lussuoso: ogni candidato infatti porterà a casa una “goodye bag”, una borsa di regali del valore complessivo di 125.000 dollari.

Cosa conterrà? Fra il resto, una di lusso vacanza in Toscana, un’astrologa a disposizione per oroscopo personalizzato (20.000 dollari), sali del Mediterraneo per 1.500 dollari, un buffet di dolci per 800 dollari e un trattamento per il ringiovanimento della vagina, quest’ultimo regalo, naturalmente, solo per le candidate donne.

 

Domenica dalle 22,30 su Sky Cinema Oscar

L’edizione numero 86 degli Oscar andrà in onda domenica dal Dolby Theatre di Hollywood e sarà condotta dall’attore di How i met your mother Neal Patrick Harris. In Italia la diretta sarà trasmessa a partire dalle 22.50 su Sky Cinema Oscar.

I

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto