Accordo con l’Ue, nessuna sanzione contro l’Italia

Una buona decisione per l’Italia. La Commissione Ue ha deciso di non avviare la procedura per debito eccessivo nei confronti del nostro paese, dopo l’accordo raggiunto ieri con Bruxelles. Lo ha appreso l’Agenzia Ansa da fonti Ue.

In sostanza, riferiscono le stesse fonti, la Commissione avrebbe deciso di soprassedere sull’avvio della procedura in attesa di ulteriori verifiche da compiere nelle prossime settimane per tornare poi a fare il punto della situazione a gennaio una volta che la legge di bilancio sarà stata approvata dal Parlamento.

Riduzione dei fondi per reddtito di cittadinanza e quota 100

Ed è già pronto l’emendamento alla manovra che recepisce l’esito della trattativa con l’Ue. Il governo presenterà le modifiche sui saldi, che prevedono la riduzione dei fondi per reddito di cittadinanza e pensioni, in commissione Bilancio subito dopo l’intervento del premier Giuseppe Conte in Senato previsto alle 13, dopo il fitto scambio di opinione con Juncker (con il premier italiano nella foto).

Commenti positivi a Bruxelles, a patto che…

Secondo il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, “la soluzione sul tavolo non è ideale, non dà una soluzione a lungo termine per i problemi economici italiani, ma ci consente di evitare per ora di aprire una procedura per debito, posto che le misure negoziate siano attuate pienamente”.  “Le misure addizionali trovate dall’Italia – ha reso noto Dombrovskis – ammontano a 10,25 miliardi”.

A parlare di una vittoria del dialogo, è il commissario agli affari economici Pierre Moscovici. “E’ una vittoria del dialogo politico che la Commissione ha preferito rispetto allo scontro. Alcuni avevano auspicato una crisi, noi invece abbiamo sempre puntato a una soluzione”

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto