Bonus cultura: stabilizzati i 500 euro per i diciottenni per i prossimi anni

Il bonus cultura destinato alle ragazze e ai ragazzi di 18 anni dovrebbe diventare stabile. Lo prevede la bozza della manovra che l’Agenzia Ansa ha potuto visionare.

Nel testo si precisa che la card da 500 euro vale anche “per i soggetti che compiono 18 anni di età nell’anno 2018 e negli anni successivi”.

La card utilizzabile per cinema, concerti, libri e…

La card si potrà utilizzare, come già previsto, per cinema, concerti, eventi culturali, libri, musei, ma anche per l’acquisto di corsi di musica, di teatro o di una lingua straniera.

 

 

Le notizie del 25 settembre

Bonus cultura da 500 euro a chi compie 18 anni anche nel 2017. Per chi diventa maggiorenne nei prossimi 3 mesi, infatti, resta la possibilità di richiedere la somma da spendere in attività culturali, attraverso la carta che “può essere utilizzata per assistere a rappresentazioni teatrali e cinematografiche, per l’acquisto di libri nonché per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali, monumenti, gallerie, aree archeologiche, parchi naturali e spettacoli dal vivo”. Ma anche “per l’acquisto di musica registrata, nonché di corsi di musica, di teatro o di lingua straniera”.

Come si richiede il bonus

Secondo quanto previsto dal decreto del presidente del consiglio dei ministri del 4 agosto 2017, le domande vanno presentate entro il 30 giugno 2018 e i 500 euro potranno essere spesi entro il 31 dicembre successivo. Per richiedere la carta bonus, bisogna registrarsi al sito www.18app.italia.it attraverso indirizzo mail, numero di cellulare, documento di identità valido (carta di identità o passaporto) e la propria tessera sanitaria con il codice fiscale.

La registrazione

Per registrarsi occorre prima ottenere anche Spid (il ‘Sistema Pubblico di Identità Digitale’) attraverso la registrazione alternativamente ai siti di InfoCert, Poste Italiane, Sielte e Tim. I quattro soggetti (detti “identity provider”) offrono diverse modalità per richiedere e ottenere Spid.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto