Umbria: malore della presidente Marini, Zingaretti a Perugia

Lieve malore per la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini (nella foto), dopo la riunione dell’Assemblea legislativa che ha respinto le sue dimissione da Presidente della regione. Marini -secondo quanto appreso dall’Ansa- si è sentita male una volta tornata a casa a Todi. Si è quindi recata all’ospedale di Pantalla dove viene sottoposta ad alcuni accertamenti. La presidente si trova ancora in osservazione in ospedale. Le sue condizioni non sono comunque gravi.

5 giorni di riposo assoluto

La presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini colta da un malore ieri sera dopo la riunione dell’Assemblea legislativa che ha respinto le sue dimissioni. Secondo quanto appreso dall’ANSA la situazione è sotto controllo.
La governatrice Marini – in base a quanto già stabilito dai medici – dovrà rimanere a riposo assoluto per almeno cinque giorni. Il malore che l’ha colpita una volta tornata nella sua casa di Todi è stato legato – sempre secondo quanto si è appreso – allo stress.
15 giorni per decidere se confermare le dimissioni

Dopo che l’Assemblea legislativa ha respinto le sue dimissioni, presentate in seguito all’indagine sui concorsi all’ospedale di Perugia, la presidente ha ora 15 giorni per decidere se confermarle (ipotesi che sembra la più probabile) mettendo fine alla legislatura o respingerle.
Oggi pomeriggio a Foligno e Perugia è atteso il segretario del Pd Nicola Zingaretti per alcune iniziative elettorali. possibile che incontri la governatrice.

 

Dimissioni respinte in assemblea

L’Assemblea legislativa dell’Umbria ha respinto le dimissioni della presidente della Regione Catiuscia Marini, Pd, presentate in seguito all’indagine sui concorsi all’ospedale di Perugia. Lo ha fatto approvando con 11 voti favorevoli e otto contrari sulla mozione della maggioranza che chiedeva a Marini a recedere dal suo atto.  C’è stato anche quello della stessa Catiuscia Marini tra gli 11 voti con i quali l’Assemblea legislativa dell’Umbria ha approvato la mozione di maggioranza con la quale le è stato chiesto di ritirare le dimissioni. IL voto di Marini ha di fatto ha permesso di raggiungere la maggioranza assoluta necessaria a far passare l’atto.

Spetterà ora a Marini, che ha preso la parola in aula, decidere se confermare o meno le dimissioni.

 

Zingaretti: “Ci spettiamo che confermi le dimissioni”

“Incassato l’attestato di stima della maggioranza che desiderava, ci aspettiamo che ora Marini confermi le dimissioni, come lei stessa aveva lasciato capire in contatti con i vertici nazionali del Pd, ieri”. Così fonti del Nazareno all’Agenzia Ansa sul voto in Consiglio regionale dell’Umbria con il quale sono state respinte le dimissioni della governatrice Catiuscia Marini, con il suo stesso voto a favore. Marini è indagata in un’inchiesta sui concorsi nella sanità.

Catiuscia Marini deciderà “in tempi brevi e nel rispetto dell’articolo 64” dello Statuto della Regione Umbria se confermare o ritirare le dimissioni respinte dall’Assemblea legislativa.
“Ho agito sempre – ha sottolineato Marini – con onesta, in buona fede e nel rispetto della legge. So che ho fatto errori politici e umani ma ho sempre rispettato la legge”.

“Non lascio macerie – ha detto in uno dei passaggi del suo lungo intervento – né in materia di bilancio né sul sistema sanitario, ma non si sta in Paradiso a dispetto dei Santi”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto