Multa per l’acqua che “guarisce” dal cancro: 80 mila euro per pratiche scorrette

È di 80.000 euro la sanzione comminata dall’Antitrust alla Enagic Italy, la società che produce depuratori per il trattamento dell’acqua potabile con il marchio Kangen. Motivo: pratica commerciale scorretta a causa delle proprietà salutari che l’azienda promuove su Internet e che secondo l’authority non esistono. Non ci sarebbero infatti benefici all’invecchiamento, all’obesità, alle allergie e addirittura al cancro (soprattutto quello al fegato) grazie a uno “speciale integratore” che viene bevuto.

I passaggi ritenuti non veritieri

Come riporta IlFattoAlimentare.it, l’Antitrust ha sottolineato alcuni passaggi particolarmente gravi, come “Acqua Kangen – Dr. Robert G. Wright, nuovo trattamento anticancro”, “la prevenzione del cancro – La soluzione migliore al mondo – Acqua Kangen è il più potente antiossidante (…) anche per curare gravi malattie”, “può facilmente diffondersi nei compartimenti subcellulari e pulire i radicali liberi”, “migliora lo stato di salute generale producendo effetti anti-infiammatori, anti-allergici e anti-obesità” e “un’acqua che agisce come un superintegratore antiossidante e protegge le nostre cellule dall’interno”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto