Ecotassa ultima versione: colpisce i Suv, salva le Panda

Ultima versione dell’ecotassa sulle auto: resta, ma interesserà soltanto le auto di lusso e i suv, non le vetture di piccola cilindrata come la Fiat Panda. Dovrebbe arrivare anche il bonus per chi acquista macchine con basse emissioni, uno sconto che arriverà fino a 6.000 euro per le meno inquinanti, quelle con emissioni vicine allo zero, prevalentemente ibride ed elettriche. Si profila così il sistema di bonus-malus ambientale per le auto, che il governo sta mettendo a punto nella manovra finanziaria. L’intenzione è anche quella di aumentare l’installazione delle colonnine per la ricarica di auto elettriche, infrastruttura fondamentale perché proprio l’assenza di una rete di ricarica veloce è stato finora uno dei maggiori limiti alla loro diffusione.

Sono ancora molti i contrari

Contro la nuova misura insorgono le associazioni dei produttori di auto e dei concessionari.

“La nuova tassa ricorda il superbollo, non ha effetti sulla riduzione dell’inquinamento, crea un ammanco nel bilancio dello Stato e impatterà sull’occupazione del paese”, affermano Anfia, Federauto e Unrae, che chiedono al governo “di eliminare dalla manovra di bilancio di ogni ulteriore gravame fiscale a carico degli automobilisti” e di rinviare tutto al 2020.

Le associazioni delle case automobilistiche sostengono che con queste misure, le entrate dello Stato, che per i veicoli venduti nel 2017 erano state di 9,4 miliardi (Iva e Ipt), potrebbero scendere anziché salire. Non commenta per ora Fca che nei giorni scorsi ha minacciato di rivedere il piano industriale da 5 miliardi annunciato per gli stabilimenti italiani.

Le variazioni di bonus e malus

Nella stesura approvata alla Camera le misure di bonus e malus si coprono a vicenda, con incassi della tassa stimati in 300 milioni di euro nel 2019 (e di poco superiori negli anni successivi) da destinare agli incentivi per elettriche, ibride o poco inquinanti. Molte cose sono ancora da chiarire, ad esempio quali siano le auto di lusso da tassare e con che metodo si misurerà tale appartenenza. Il restringimento dell’ecotassa solo su suv e auto di lusso dovrebbe portare a un conseguente restringimento anche della platea dell’ecosconto per le auto a basse emissioni.

Un bonus suddiviso in tre fasce

Secondo l’emendamento approvato a Montecitorio, il bonus è suddiviso in tre fasce. Avrà uno sconto di 1.500 euro chi comprerà auto che emettono tra 70 e 90 grammi di CO2 al km, ad esempio la Skoda Citigo o la Fiat Punto 1.3 multijet (che però non è più in produzione), mentre il bonus sarà di 3.000 euro per le vetture con emissioni tra 20 e 70 grammi al chilometro come l’Audi A3 Etron, la Mitsubishi Outlander Phev o la Toyota Yaris 1.5 hybrid.

Vetture favorite dall’incentivo massimo

Il massimo incentivo riguarda i modelli con emissioni tra 0 e 20 grammi al chilometro: in questa fascia rientrano, ad esempio, la Citroen C0, la Renault Nose o la Volkswagen egolf. Per il ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, “padre” della misura, è certo che lo sconto di 6.000 euro sarà confermato anche nella versione definitiva.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto