Acquisti online: il lunedì prezzi giù del 18%, nel weekend i giorni neri (infografica)

Il giorno migliore per comprare online un seggiolino per bambini da piazzare in auto è il martedì mentre il peggiore è la domenica. Lo stesso accade per un prodotti per il fitness mentre se si ha bisogno di un tagliaerba meglio andare su Internet il lunedì ed evitare il sabato. Perché? Perché i prezzi variano a seconda del giorno e se si compra all’inizio della settimana si può risparmiare fino al 18% rispetto a quanto di spenderebbe nel weekend.

a-acquistionline

Controllati i prezzi di 7.642 prodotti

Ad attestarlo è una ricerca del sito Idealo.it che si occupa di confronto di costi e di opinioni. Ricerca che ha preso in considerazione per 3 mesi 7.642 prodotti suddivisi in 12 categorie merceologiche e che ha monitorato la fluttuazione dei prezzi. Da qui discende che, per esempio, gli occhiali da sole costano meno il lunedì mentre il venerdì è il giorno nero per giochi e tende da campeggio e il giovedì per i barbecue (nell’infografica sopra gli andamenti delle singole categorie).

a-acquistionline02

Prezzi su negli orari di “affollamento”

“La ricerca indica una sostanziale stabilità dei prezzi nel corso delle settimana”, aggiunge Idealo, “con incrementi marginali intorno alla soglia del 2% giovedì e sabato”. Ma perché accade questo? I venditori online, soprattutto le grandi piattaforme come Amazon e i negozi virtuali di viaggi e vacanze, settore finito nel mirino di Federprivacy, studiano gli orari con cui i consumatori comprano e fanno salire i prezzi in base ai momenti di maggior “affollamento”.

Usando prodotti Apple si spende di più

Lo stesso accade per le le informazioni geografiche o dispositivi utilizzati, usati dai venditori per stimare il potere d’acquisto del cliente. Dunque, se si fanno acquisti online, evitate i computer Apple e gli iPhone, in genere più costosi, e che dunque possono far rientrare il consumatore “in una fascia di utenti con alto potere d’acquisto e quindi tendenzialmente disponibile a pagare di più”.

Authors
Tag

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto