Le calze di nylon compiono 80 anni: dalle origini al successo mondiale del “non si smaglia”

La scena madre del film Il Laureato (nell’immagine), in cui l’affascinante seppur matura Mrs Robinson, ovvero l’attrice Anne Bancroft, seduta sul bordo del letto, si sfila le calze di nylon, per sedurre il neolaureato Benjamin Braddock, interpretato da Dustin Hoffman, ha popolato i sogni erotici d’intere generazioni maschili. Le gambe perfette dell’attrice erano esaltate dal quel velo trasparente che lasciava scoprire la pelle con un gesto voluttuoso.

In realtà il debutto delle calze nei negozi è avvenuto 80 anni fa, il 15 maggio 1940.

La scoperta del nylon

Ma fu nel 1935 Wallace Hume Carothers a scoprre il nylon, materiale senza il quale le calze non sarebbero mai state realizzate. Il termine nylon deriva da No-Run (non si smaglia) nome dato dai ricercatori. Ma alla DuPont non erano convinti.

Si pensò d’invertire le vocali (Nuron) e poi di cambiare la parola in Nulon. Tuttavia, in base ad alla legge sulla protezione del marchio, non fu permesso di utilizzare questo nome, pertanto si continuò a cercare finché si approdò al termine Nylon. La ditta DuPont pubblicizzò la sua invenzione a partire dal ’38 mettendo in luce un suo possibile utilizzo per le calze da donna.

 

24 ottobre 1939: la prima comparsa sul mercato

Il 24 ottobre 1939 le prime calze di nylon fecero il loro ingresso sul mercato: 4000 paia di calze di nylon prodotte per eseguire il test di prova vennero vendute in poche ore. Dopo questa vendita di prova, il 15 maggio 1940, ebbe inizio la vendita ufficiale in tutto il Paese. Nei primi quattro giorni vennero venduti 4 milioni di paia di calze. Durante la guerra furono merce rara e le donne, per far finta di indossarle, si disegnavano la riga con la penna.

Il tedesco Perlon sconfitto dalla guerra

Meno nota è la contemporaneità della scoperta del poliammide negli Usa, e in Germania, dove il prodotto venne chiamato Perlon. Il gruppo IG Farben, produttore del Perlon in Germania, venne smantellato dagli Alleati dopo la fine della guerra.

Le calze fashioned cominciarono la loro marcia trionfale dagli States. Nel 1945 la produzione e la vendita delle calze di nylon prese un nuovo slancio: a New York in sei ore vennero vendute oltre 50mila paia.

La calza di nylon diventò così un accessorio irrinunciabile per le donne, esibito in copertina da dive dalle gambe stupende come Rita Hayworth e Jane Russel .

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto