Champions League: la Juve perde dopo una brutta partita, ma spera nel ritorno

Juve battuta 2-1 dal Porto nell’andata degli ottavi di Champions League. I bianconeri vanno k.o. in casa dei lusitani in una gara giocata malissimo e raddrizzata parzialmente nel finale. Il Porto sblocca il risultato dopo poco più di un minuto grazie a una giocata errata di Bentancur, che sbaglia il retropassaggio verso Szczęsny e regala a Taremi la rete dell’1-0.

La reazione della formazione di Pirlo è sostanzialmente nulla. Il Porto controlla agevolmente, i campioni d’Italia, in pratica, non sono in campo.

Il secondo tempo inizia con copione identico. La Juve, dopo l’intervallo evidentemente non sfruttato nel modo migliore, inizia la ripresa dormendo. Il Porto affonda senza trovare ostacoli e al 47° Marega deve solo appoggiare in porta il pallone del 2-0.

La serata da incubo della Juve prosegue senza sussulti. La squadra gioca in maniera inguardabile e praticamente non tira mai in porta. I cambi di Pirlo non producono nessun effetto. All’82’, l’unica azione decente dei bianconeri produce il gol che tiene vive le speranze di qualificazione. Rabiot scappa a sinistra in una delle rare azioni in profondità dei torinesi e mette in area un pallone invitante. Chiesa calcia di destro, colpendo male la palla: poco importa, gol e 2-1.

Tutti scommettevano su Ronaldo

Tutti scommettono su Cristiano Ronaldo. “Tornare nel suo Portogallo sarà motivo di orgoglio per lui perché vorrà far vedere ancora chi è CR7”, dice il suo allenatore, Andrea Pirlo.

La partita sarà trasmessa solo da Sky, inizio ore 21.

“È una fortuna poter allenarsi con lui per capire i segreti di Ronaldo he lo hanno portato ad essere il campione che è diventato: si gioca a casa sua, avrà ancora più stimoli per fare bene e fare gol”, gli fa eco il capitano bianconero, Giorgio Chiellini.

E lo stesso portoghese si carica sui social: “Negli ultimi due anni siamo tornati a casa prima di quanto volessimo, ma durante ogni stagione puntiamo più in alto e quest’anno non fa eccezione: sarà una partita molto importante contro una squadra forte e spero che possa essere l’inizio del lungo percorso fino alla finale” scrive su Instagram il 7 bianconero. I sette gol realizzati dalla Juve dagli ottavi in avanti nelle ultime due stagioni, quindi da quando è sbarcato in Italia, hanno sempre avuto la firma di CR7. L’anno scorso la Juve si fermò proprio al primo turno ad eliminazione diretta contro uno squadra decisamente meno accreditata per il passaggio del turno, il Lione di Rudi Garcia, l’anno prima aveva dovuto compiere l’impresa di ribaltare la sconfitta a Madrid (0-2) contro l’Atletico grazie alla tripletta di CR7 all’Allianz Stadum: “Non dobbiamo commettere gli errori delle ultime due stagioni contro Atletico Madrid e Lione, quelle gare ci servono di insegnamento e domani faremo partita diversa rispetto agli ultimi ottavi che abbiamo disputato – la promessa di Chiellini – perché percepisco buone vibrazioni, c’è tanta voglia di scendere in campo”.

 

Rivale insidiosa

L’appuntamento è all’Estádio do Dragão, per l’andata degli ottavi di finale di Champions. Bianconeri alla settima partecipazione consecutiva a questa fase della competizione, e imbattuti da cinque gare contro i portoghesi. Guai però a sottovalutare la squadra di Conceição, che pur essendo un’outsider del torneo ha collezionato quattro vittorie e un pareggio (contro il City) negli ultimi cinque incontri della fase a gironi, senza incassare nemmeno un gol.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto