Muore dopo il parto con la ventosa, a processo due ginecologhe a Milano

Due ginecologhe dell’ospedale San Paolo di Milano (nella foto in basso) hanno deciso di far nascere un bambino con la tecnica della “ventosa ostetrica”, invece che con un taglio cesareo, causando in questo modo, secondo l’accusa, alla madre una vasta emorragia.

Il piccolo è venuto alla luce, ma la donna è morta poche ore dopo.

Concorso in omicidio colposo

Con l’imputazione di concorso in omicidio colposo le due dottoresse dovranno ora affrontare un processo che si aprirà con rito abbreviato, davanti al gup Stefania Pepe, il 23 novembre.

Il decesso a giugno del 2015

La donna di origine marocchina è morta il 13 giugno del 2015 all’Humanitas di Milano, dove era stata trasferita già in condizioni disperate dopo l’emorragia causata, stando alle indagini del pm Francesco De Tommasi e ad una consulenza disposta della Procura, dall’utilizzo della tecnica, considerata anche desueta dagli inquirenti, della “ventosa”, preferita al cesareo e che avrebbe provocato una vasta lacerazione.

L’inchiesta è scattata dopo la denuncia del marito e dei familiari della donna.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto