Settimana instabile: piogge sull’Italia, allerta gialla in Calabria, Toscana e Cadore

L’ultima settimana dell’estate astronomica parte nel segno del caldo, con le temperature destinate a mantenersi oltre la norma almeno fino a venerdì 20. Resta però incertezza su un possibile cambio di scenario a partire dal prossimo fine settimana, a seguito dell’irruzione di aria più fredda Nord atlantica in coincidenza con l’equinozio d’autunno, fissato per domenica 23.

Si inizia dal Sud

Secondo gli esperti del sito IlMeteo.it, nella prima parte di questa settimana si assisterà a un generale aumento dell’instabilità, inizialmente al Centro-Sud e sulla Sardegna, e tra domani pomeriggio, martedì 18 settembre, e giovedì anche al Sud e sulla Sicilia, a causa della perturbazione numero 3 di settembre che, dal Mediterraneo occidentale, si muove lentamente verso la nostra Penisola.

La situazione oggi

Al Sud e in Sicilia tempo in prevalenza soleggiato, con temporanei annuvolamenti nel pomeriggio attorno ai rilievi, ma con basso rischio di fenomeni. Altrove condizioni di spiccata variabilità, con alternanza di schiarite e di annuvolamenti e atmosfera a tratti instabile: nel corso della giornata il rischio di rovesci e locali temporali risulterà maggiore al Nord, lungo l’Appennino centro-settentrionale e su Toscana, Lazio e Sardegna. Temperature massime stazionarie o in lieve calo al Centro, in generale comprese tra 26 e 30 gradi, con picchi anche superiori al Sud e nelle Isole. Venti deboli, salvo rinforzi di Scirocco attorno alla Sardegna.

Le zone più a rischio

Per la giornata di oggi, lunedì 17 settembre, la Protezione Civile ha emesso l’allerta gialla per ordinaria criticità per rischio idraulico, idrogeologico e temporali su Calabria e Toscana. Sul Veneto, l’ordinaria criticità (allerta gialla) per rischio idrogeologico in Cadore.

Domani aumentano le nuvole

Condizioni di generale variabilità, con atmosfera instabile. Domani gli annuvolamenti prevarranno sulle schiarite, più ampie al mattino al Sud. A rischio di piogge, rovesci e temporali saranno molti settori del Nord, del Centro, la Sardegna e, più occasionalmente, anche l’Appennino meridionale e la Sicilia. Temperature massime in ulteriore lieve calo al Centro, fino a 31-32 gradi all’estremo Sud e nelle Isole.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto