Pitti Uomo, l’apertura con i (bei) modelli di Bikkemberg in costume da bagno

È partita ieri a Firenze, Fortezza Da Basso, l’edizione numero 88 del Pitti Uomo, che si concluderà il 19 giugno. L’inaugurazione è stata caratterizzata dalla presnetazione dei costumi da bagno di Dirk Bikkenberg con la sfilata dei bei ragazzoni che vedete nelle foto (e che potete vedere anche nel video del sito di Bikkenberg a cui arivate ciccando il link).

aaacostumiuno

Si vede che la tendenza “unisex” di questa edizione è stata momentaneamente accantonata.

La moda sempre più unisex

E la novità è una moda sempre più unisex, in cui vestiti e accessori superano i generi maschile e femminile per adattarsi a lui o a lei, senza distintizoni. Basta metter ein cantiere taglie di vestiti e numeri di scarpe dalle più piccole alle più grandi. La moda si adatta alle mutazioni dei tempi.Talvolta le anticipa.

 

aaapittirosa

Giacche morbide e fodere stampate

La giacca (come mostra la foto di apertura) acquista un fit morbido, quasi da cardigan, accostandosi alla figura grazie all’intervento nei tessuti delle fibre elasticizzate (Cp Company).

Al suo interno spuntano fodere in stampati floreali (Domenico Tagliente). Ai pantaloni lunghi si possono alternare shorts o bermuda. Nessuna discriminazione neppre per i colori. Lui si impossessa anche del rosa, un colore finora tipicamengte femminile (vedi foto sopra). E lo fa con un effetto decisamente piacevole.

 

Camicie a pois anche per lui

I colori si fanno più audaci soprattutto nella camiceria che sdogana i pois anche per lui. Massimo Rebecchi lancia anche i vestiti a bolli. Cravatte, foulard, scarpe anche nei modelli classici, Duilio o francesine, offrono colori audaci, come il rosso pompeiano o il giallo pompelmo.

 

aaabagage

Espadrilles e Modular Bag

Tornano le espadrilles e gli zaini multitasche, un trend che vede tra i suoi massimi rappresentanti il Sindaco di Roma Ignazio Marino. Perfino Furla interpreta il concetto di unisex con la Modular Bag (nella foto sopra).

 

Le tuniche unisex degli antichi romani

Non si dovrebbe gridare al miracolo o alla scandalo delle contaminazioni tra i generi, visto che le donne attingono dal guardaroba maschile fin dai tempi delle amazzoni. Non erano forse tuniche unisex quelle utilizzate dagli antichi romani per uomini e matrone?

I pantaloni maschili che si cominciano a vedere nel secondo secolo dopo Cristo, creando la differenza, sono stati sdoganati per le signore da Coco Chanel nei primi decenni del secolo scorso. Lo smoking da Yves Saint Laurent.

 

aaaaaluielei

Il salone lancia Open, per maschi e femmine

Nel salone fiorentino, sempre attento a cogliere i trend, debutta Open, nuova sezione che interpreta il mondo delle collezioni che superano i concetti di uomo e donna, un segmento in forte ascesa che sta calamitando sempre più le attenzioni del mercato internazionale.

 

aaamagliette

Qui si supera il concetto di genere…

“Con la consueta sensibilità nel captare i mutamenti dello stile – spiega infatti Agostino Poletto, vice-direttore di Pitti Immagine – e l’affacciarsi di nuovi trend nella moda contemporanea, Pitti Uomo affronta un tema di grande attualità oggi, quello delle collezioni che superano il concetto di genere: un’evoluzione estetica in questo momento sotto i riflettori, figlia delle nuove generazioni che vivono nelle metropoli globali. Pitti ha deciso di firmare la sua interpretazione di questo stile con una regia proiettata al futuro lanciando Open, selezione di collezioni internazionali di ricerca, abiti e accessori pensati per essere indossati da lui e da lei”.

 

* Per realizzare questo articolo abbiamo utilizztao le preziosi “dritte” di Patrizia Vacalebri, dell’Agenzia Ansa.

Authors

Pubblicità

Commenti

Alto