Pelle, minidress e linee anni ’70: i must della moda d’autunno

L’estate sta sfumando nell’autunno, a poco a poco. Vestirsi inizia ad essere un grattacapo, come accade ad ogni cambio di stagione. In vista della caduta delle foglie e del primo freddo, giochiamo d’anticipo. Abbiamo chiesto ad alcune fashion blogger quali sono i capi basic che ogni donna – casual ma non per questo sciatta e non elegante – dovrebbe avere nel suo armadio. Una donna moderna, insomma, che con fantasia abbina camicie, pantaloni, cappottini, senza spendere un capitale. A volte è sufficiente organizzarsi, saper scegliere le combinazioni giuste per essere all’altezza di ogni situazione, dal lavoro al tempo libero.

Tutti pazzi per gli anni ’70
Patrizia Finucci Gallo, scrittrice e giornalista dal tocco vintage, convinta che la moda non sia solo sfoggio di magrezza e abiti ma pure letteratura e creatività, dice: “Non possono mancare i capi con riferimenti agli anni ’70, pensate al look di Janis Joplin (hanno appena presentato alla Mostra del Cinema di Venezia un documentario a lei dedicato), dunque materiali suade o camoscio, borse con le frange e occhiali tondi. Qualche buona lettura sulla beat generation non guasta, come i libri di Fernanda Pivano.

aaaaanogender

No gender style, perché no?
Via libera anche al “no gender style” (vedi foto qui sopra), lui e lei uguali, la donna ruba il maglione a lui e appare come Annemarie Schwarzenbach, minimale, eterea e viaggiatrice.

Bello il color melanzana, il ritorno del tubino, le calze a rete (fantastiche) e le stampe a rettile per borse e cappotti. Grandi rientri per i profumi caldi con packaging misteriosi, new entry nella mia borsetta Malìa, il nuovo profumo di Nobile 1942 dedicato alle streghe e con la confezione viola”.

Dove trovi i capi basic: Zara, Benetton, Kiabi
E alla domanda dove è possibile trovare questi capi a prezzi ragionevoli, risponde: “Le catene low cost da svaligiare sono: Zara, le linee sempre all’ultima moda e i tessuti abbastanza buoni, è il negozio preferito dalle fashion blogger; Benetton per i colori accesi, ha i maglioni coloratissimi da portare su una gonna tubino nera midi, come dettano le tendenze; Kiabi ha prezzi decisamente bassi ma completi accattivanti e modaioli; le Queen tee di Mario Costantino Triolo da comprare su Yoox e indossare con skinny jeans neri e strappati”.

aaaaprimcipianti

“Scegli in base al tuo corpo”
Di tutt’altro avviso Anna Venere, che dopo il successo del suo blog Moda per principianti insegna alle donne a vestirsi in base alla forma del loro corpo: “Non credo esistano capi imprescindibili. Ci sarà una donna che sta benissimo con le gonne sotto il ginocchio (che ora vanno molto di moda) e quella che, invece, se le indossa sembra una lillipuziana e quindi userà quelle a metà coscia, anche se non sono un capo all’ultimo grido. Penso poi a quella estremamente felice del ritorno di un tocco di marrone, e a quella che lo detesta e non lo comprerà mai e poi mai. Io sprono le donne a seguire il loro corpo e non ad acquistare in base agli imperativi di una rivista”.
Per lo shopping Anna Venere consiglia una boutique nella sua Genova: “Si chiama il Salotto, ha una verità di capi che accontenta molte donne, ma non con una spesa minima. Per quella ci sono le grandi catene dello shopping”.

I must: cappotto over, minidress, e la pelle
Dea Caiazzo, ideatrice e autrice del blog Fashion idea, invece, consiglia: “Tre capi che non possono mancare nel guardaroba per la prossima stagione sono un cappotto over, dalle linee ampie, avvolgenti, lungo quasi fino alla caviglia. Perfetto se abbinato ad un mini dress (altro must di stagione, adatto, con i giusti accorgimenti, a tutte le fisicità), o comunque ad un pantalone dalla linea affusolata. Un capo in pelle, quest’anno declinata in mille modi, dalla gonna al pantalone, fino alla camicia. Assicura un tocco rock, regalando vivacità agli outfits più classici. E scegliete il rosso. Sarà il colore della prossima stagione, dagli abiti ai capispalla, fino agli accessori…in mille gradazioni, c’è solo l’imbarazzo della scelta!”.

Scarpe belle ma accessibili? Scegli Aldo, Café Noir, e Sarenza
“Le catene della grande distribuzione assicurano varietà di scelta e prezzi assolutamente accessibili. Zara, Mango, HM, Promod. Personalmente, consiglio di investire un po’ di più in calzature (i nostri piedini sono importanti!). Anche in questo caso si possono trovare proposte interessanti a prezzi competitivi. Consiglio Aldo, Café Noir, e Sarenza per gli acquisti online”.

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto