Barilla sfida la Francia con le baguette preconfezionate

Nel momento in cui i rapporti fra Roma e Parigi non sono dei migliori, Barilla sfida la Francia con un investimento da 47 milioni di euro per la creazione della più grande panetteria industriale in terra francese. Nella patria delle boulangerie, dove il quotidiano acquisto della baguette è un rito nazionale, Barilla scommette sul crescente successo dei prodotti da forno preconfezionati.

 

aaabarillatre

Un nuovo stabilimento nel dipartimento dell’Indre

A Chateauroux, nel dipartimento dell’Indre, il colosso italiano ha inaugurato il nuovo stabilimento di Harrys, filiale francese specializzata nella produzione di pancarré ed affini, già leader del settore nel mercato transalpino, con una crescita confermata del 5% a fine maggio 2015. Mentre continuano a salire le vendite di salse e pasta.

L’estensione e l’ammodernamento dell’impianto di Harrys – un marchio mai commercializzato in Italia, ma molto noto Oltralpe – costituisce l’investimento più importante che Barilla abbia mai realizzato in Francia. L’azione fa parte di un programma d’investimenti 2014-2016 per un totale di 47 milioni di euro che comprende anche la costruzione di una nuova linea produttiva di pane 100% mollica nel sito di Plaine de l’Ain (Lione) inaugurata nel giugno 2014, e di nuove attrezzature per gli stabilimenti di Valenciennes e Gauchy.

 

“Il futuro della Barilla è anche in Francia…”

“La Francia rappresenta il nostro primo mercato estero dopo gli Usa”, spiega all’Agenzia Ansa l’amministratore delegato del gruppo, Claudio Colzani, precisando che il volume d’affari è stato di oltre 500 milioni di euro nel 2013.

aaaapaolo

“L’insieme di questi investimenti e la stretta collaborazione fra le nostre équipe sono la testimonianza della nostra convinzione che il futuro della Barilla ha le sue radici anche in Francia”, gli fa eco il vicepresidente Paolo Barilla (nella foto). In totale, dall’acquisizione di Harrys, nel 2003, il gruppo ha investito oltralpe quasi 170 milioni.

La “maxi-boulangerie”da 43.000 metri quadri sarà composta da otto linee produttive, di cui la prima permette una riduzione del 15% dei rifiuti, delle emissioni di CO2 e del consumo d’acqua. Barilla Francia conta sei stabilimenti che realizzano 150.000 tonnellate di prodotti di panetteria e oltre 1500 dipendenti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto