Separato da un mese, spiava la moglie col Gps, l’ha uccisa a coltellate e si è suicidato

Assurdo omicidio-suicidio a Firenze. Mattia Di Teodoro, 33 anni, fiorentino, impiegato nella casa editrice dove lavorava anche sua madre aveva accuratamente preparato una trappola all’ex moglie Michela Noli di 31 anni.

Il marito era caduto in depressione da quando la moglie aveva deciso di separarsi. Ma Di Teodoro, che la spiava col Gps, pazzo di gelosia, è andato nella tarda serata di ieri sotto la casa del padre, dove la sua ex moglie era tornata a vivere.

Mattia ha suonato il campanello: “Scendi ti devo rendere tutti i tuoi vestiti”. Per completare l’inganno aveva in macchina una valigia con le cose della ex moglie. Lei ci ha creduto, è salita sull’auto bianca e lì è stata accoltellata dall’uomo che poi si è tolta la vita. Poco prima di compiere l’omicidio-suicidio Di Teodoro aveva inviato un sms a un amico, annunciando il gesto. Troppo tardi, però, cheché lui potesse intervenire. La polizia ha ritrovato la vettura lungo l’Arno, nella zona dell’Isolotto, alla periferia di Firenze con due corpi già senza vita.

aaafirenz0e2

 

Le prime notizie dell’omicidio-suicidio

Una coppia è stata trovata morta in auto, la notte scorsa, alla periferia di Firenze. Lei aveva 31 anni e lui 33. L’ipotesi più probabile è quella dell’omicidio-suicidio. Sul caso sta indagando la polizia.

 

Ancora in corso accertamenti

I due si erano appena separati: secondo una prima ricostruzione degli agenti, l’uomo sarebbe passato a prendere la donna in auto, poi l’avrebbe accoltellata e si sarebbe tolto la vita. Sono in corso altri accertamenti per chiarire l’accaduto.

L’auto era lungo l’Arno

I due corpi sono stati rinvenuti verso le 23 di domenica 15 maggio da una volante. L’auto era parcheggiata in via dell’Isolotto, lungo l’Arno, a poca distanza dal parco delle Cascine, periferia di Firenze.

 

Nota: la foto in apertura è dalla pagina Facebook di Mattia Di Teodoro.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto