Bologna: Gazzoni chiede 113 milioni di danni a Juve e Fiorentina per Calciopoli

“La cifra complessiva è di 113 milioni e 628 mila euro”. L’ex proprietario del Bologna, Giuseppe Gazzoni Frascara, quantifica così la sua richiesta danni subiti da Calciopoli nei confronti di due club, Juventus e Fiorentina e di una serie di persone fisiche: Luciano Moggi e Antonio Giraudo, all’epoca dirigneti del club bianconero, dei fratelli Della Valle proprietari allora e oggi della Fiorentina e dell’ex ad viola Sandro Mencucci, oltre che dell’ex arbitro Massimo De Santis.

La richiesta di indennizzo per danni di Gazzoni nasce dal fatto che nel 2005 per colpa di Calciopoli il suo Bologna fu retrocesso e andò in default. Non si conoscono le ragioni per cui proprio ora Gazzoni ha deciso di chiedere il risarcimento, dopo tanti anni in cui si è limitato a qualche intervista di denuncia dei fatti di Calciopoli.

 

L’ultima sentenza della Cassazione

 

L’iniziatibva di Gazzoni Frascara è nata, però, dopo la sentenza della Cassazione del 24 marzo scorso, con cui è stata messa la parola “fine” sul lato penale dello scandalo e ha reso possibili i ricorsi civili per danni contro la Juventus, la Fiorentina, Andrea e Diego Della Valle, Luciano Moggi, l’ex arbitro Massimo De Santis e Antonio Giraudo.

Ma solo Gazzoni ha chiesto i danni, tra le diverse società che potevano farlo. L’ultimo bilancio della Juve non ha accantonato, comunque, neppure un euro per un eventuale rimborso. Tanto meno se fosse sostanzioso come quello chiesto dall’ex patron del Bologna.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto