Scarperia: il piccolo Michele ucciso in braccio alla mamma

Nuovi particolari emergono sul delitto della notte scorsa a Scarperia (Firenze). Si è saputo che la madre, 30 anni, ha cercato di salvare il piccolo Michele, di un anno, dall’ira del padre rifugiandosi nel terrazzo di casa con il figlio in braccio. È qui che l’uomo, 34 anni, li ha raggiunti e colpiti più volte con un coltello.

L’altra figlia, di 7 anni, si è salvata anche grazie all’intervento dei genitori e del fratello della donna, che era riuscita a telefonare ai familiari che poi hanno avvertito i carabinieri. Questa la ricostruzione fatta dai miligti della tragedia avvenuta ieri sera, poco prima delle 20, a Sant’Agata, nel comune di Scarperia (Firenze).

 

Il bambino è morto: le notizie precedenti

Un bambino di un anno è morto dopo essere stato colpito dal padre con un coltello nel corso di una lite familiare. È successo, come riferiscono i carabinieri, questa sera a Scarperia, un comune del Mugello, in provincia di Firenze.

 

Durante una lite con la convivente

Secondo quanto appreso, l’uomo, di 34 anni, avrebbe ucciso il piccolo, quasi certamente con un coltello o comunque con un’arma da taglio, al culmine di una lite con la convivente, di 30, e poi avrebbe cercato di colpire anche l’altra figlia di 7 anni. La bimba sarebbe stata salvata dalla madre che si messa nel mezzo ed è rimasta ferita proprio per proteggerla. La tragedia si è consumata in una casa, isolata, distante circa 600 metri dal centro della frazione di Sant’Agata, nel comune di Scarperia (Firenze).

L’uomo fermato dai carabinieri

L’uomo è stato trovato sul posto in stato di shock e subito fermato dai carabinieri arrivati sul posto. L’allarme sarebbe stato dato dalla nonna del piccolo intorno alle 20. Il bimbo aveva compiuto un anno il 3 settembre scorso. Sia l’uomo, di professione programmatore informatico, sia la convivente sono già conosciuti alle forze dell’ordine. La mamma è stata trasportata al pronto soccorso dell’ospedale di Borgo San Lorenzo, ma non sarebbe in pericolo di vita.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto