Abruzzo: trovati morti i due fratelli scomparsi in mare

È finita tragicamente. Le ricerche si sono concluse con l’avvistamento dei corpi intorno alle 16.30.

I due fratelli, che vivevano a Montesilvano, in provincia di Pescara, sono stati trovati dai sommozzatori dei carabinieri e dei vigili del fuoco su una scogliera frangiflutti, in due punti distinti, ma a pochi metri di distanza. In base alle prime informazioni, sarebbero stati sbattuti sugli scogli dal mare agitato,

Erano di nazionalità straniera

I due – 11 e 14 anni, di nazionalità straniera, – secondo le prime informazioni stavano facendo il bagno con il padre, quando tutti e tre sono stati visti in difficoltà nel mare agitato. Il genitore è stato tratto in salvo. Sul posto operano Carabinieri e Guardia Costiera, con l’ausilio di un elicottero e dei sommozzatori dell’Arma. Intervenuti anche il 118 e i Vigili del fuoco.

 

Vane le ricerche avviate subito

Sono in corso le ricerche di due ragazzini dispersi in mare, nella zona della stazione di Tollo, ad Ortona, nel Chietino. I due – 11 e 14 anni – secondo le prime informazioni stavano facendo il bagno con il padre, quando tutti e tre sono stati visti in difficoltà nel mare agitato.

Il genitore è stato tratto in salvo, mentre dei fratelli si sarebbe persa ogni traccia. Sul posto stanno operando Carabinieri e Guardia Costiera, con l’ausilio di un elicottero e dei sommozzatori dell’Arma. Intervenuti anche il 118 e i Vigili del fuoco.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto