Scontrino fiscale, nuove regole per la mancata emissione: non è più evasione

La fine di un’epoca fatta di controlli e multe salate. La mancata emissione dello scontrino fiscale non sarà più ritenuta evasione fiscale. Come riporta Italia Oggi, in una circolare della guardia di finanza la non emissione viene declassata a condotta irregolare di portata limitata.

Le regole di “buona condotta” per i militari

Più nello specifico, la circolare contiene regole di “buona condotta” indirizzate ai militari impegnati nei controlli. Più flessibilità, equilibrio ed esperienza sono le doti richieste a chi effettua le verifiche. In sostanza sarà necessario l’uso del buon senso. A seconda delle situazioni, insomma, le Fiamme Gialle dovranno sapersi adeguare alle nuove regole.

Meno pressione anche su minori e anziani

Ad esempio, nel documento si invita a usare sensibilità nei confronti di chi dimostra “disagio personale” ed evitare di ostentare il distintivo, soprattutto di fronte a minori e anziani. Nel caso poi di un piccolo esercizio commerciale che si trova in una località turistica e soprattuto accanto a venditori abusivi, si chiede un “occhio di riguardo” nei confronti del commerciante onesto e al tempo stesso mano ferma nei confronti degli abusivi e disonesti.

Più attenzione per chi tiene aperto la notte

Un occhio particolare, invece, è richiesto verso chi possiede esercizi commerciali aperti di sera o di notte. Insomma, l’attenzione verso forme più gravi di evasione deve prevalere sulla mancata emissione dello scontrino fiscale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto