Torino: sesso di gruppo per “purificarla”, arrestato il santone e i suoi complici

Si spacciavano per “santoni” e durante le sedute spiritiche, in una mansarda torinese, hanno abusato per mesi di una studentessa, minorenne all’epoca dei fatti. Un sedicente mago di 69 anni e i suoi complici, un uomo di 73 anni e un ragazzo di 22 anni, all’epoca fidanzato della minorenne, sono stati arrestati dalla squadra mobile di Torino per stupro di gruppo. Durante le sedute la giovane, che con la sua denuncia ha dato il via alle indagini, è stata narcotizzata e violentata.

Le indagini proseguono per stabilire se ci siano altre vittime.

In manette un insegnante in pensione e i complici

In manette sono finiti il sedicente mago, Paolo Meraglia, insegnante in pensione di 69 anni. L’uomo, attribuendosi poteri in campo esoterico, aveva convinto la ragazza di essere vittima di forti “negatività” e di doversi sottoporre a riti di purificazione (nella foto sopra una parte del materiale sequestrato dalla polizia, con un Libro della Magia).

Questi coseddetti riti che consistevano in rapporti sessuali, anche di gruppo, consumati sotto l’effetto di sostanze stupefacenti in una mansarda del quartiere torinese di San Donato e nell’abitazione del “santone” alla periferia sud del capoluogo piemontese.
In manette anche il complice, Biagino Viotti, 74 ani, e il fidanzato ventiduenne della giovane.

I vertici del gruppo con il Mestro e l’Apostolo

Dalle indagini è emerso l’esistenza di un vero e proprio gruppo gerarchicamente organizzato: al suo apice il Maestro, l’Apostolo, la Vestale, i Catalizzatori e le Ancelle.

Gli agenti, che non escludono ci siano altre donne vittime del raggiro, stanno valutando anche le posizioni degli altri partecipanti ai riti. Le indagini, coordinate dai pm Marco Sanini e Fabiola D’Errico, sono partite grazie alla denuncia della studentessa, che si è rivolta al Centro Antiviolenza del Comune.
“All’inizio mi fidavo. Pensavo potesse aiutarmi. Poi si è trasformato in un incubo, non ce la facevo più”, ha raccontato la vittima. La ragazza aveva cominciato a frequentare l’abitazione del presunto mago accompagnata dall’ex fidanzato, arrestato con un terzo complice, e dalla madre di lui.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto