Gigi D’Alessio ancora furioso: “A Sanremo io e Al Bano usati come esche”

Non è ancora passata la rabbia per l’eliminazione brutale al 67° Festival della canzone italiana. Una rabbia che vuol condividere con Al Bano, che ha subito la stessa sorte.
E Gigi D’Alessio fa le sue rimostranze (chiamiamole così) in un’intervista a Chi, pubblicata nel numero in edicola da goggi, 15 febbraio.

“A Sanremo – dichiara – non è stato fatto fuori D’Alessio, è stata fatta fuori una categoria di cantanti. Qual è la motivazione, quella di far vincere i giovani? Va bene, allora noi serviamo da esca, perché il programma senza di noi non li fa 11 milioni di telespettatori.

“Fiorella Mannoia è partita protetta…”

Fiorella Mannoia è partita già protetta perché, a quel punto, chi salvavi? La giuria di qualità è normale che salvi la Mannoia, perché fa figo. Fiorella è un’artista meravigliosa, ma è normale che se fra i giurati c’è Paolo Genovese, il regista di “Perfetti sconosciuti” e la colonna sonora è di Fiorella Mannoia, vorrà dire che gli piacerà, no? Allora le cose che a 20 anni non capivi, a 50 le capisci e non è che posso ingoiare tutto, ho deciso che se devo mandare affanculo qualcuno lo faccio. Non sono rimasto contento nei confronti del sistema Sanremo”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto