Violenta la figlia che si separa dal marito davanti alla nipote di 7 anni

Terribile vicenda a Cerignola, conclusa da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Foggia. Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato, così, un uomo di 48 anni accusato di violenza sessuale aggravata e atti persecutori ai danni della figlia, “colpevole” di essere in fase di separazione dal marito e di aver intrapreso una nuova relazione sentimentale. La violenza sarebbe stata compiuta in presenza della figlia della vittima che ha solo sette anni.

La vicenda è iniziata il 6 novembre scorso quando la donna è stata medicata al pronto soccorso, perché aveva subito un’aggressione.

La giovane, in evidente stato confusionale, aveva riferito agli agenti di essere stata aggredita dal padre, poco prima, mentre si trovava all’interno della sua abitazione, alla presenza della figlioletta.

Colpi, minacce e poi l’abuso

L’uomo, dopo aver scavalcato il cancello, avrebbe raggiunto la figlia, colpendola con vpugni alla testa, mentre la minacciava di morte e abusava di lei.

Intanto la bambina piangeva

La bambina – come detto di soli 7 anni – sentendo le urla della madre, ha iniziato a piangere, implorando il nonno di smetterla.

Al pronto soccorso la donna è stata medicata per lesioni e ferite guaribili in 15 giorni. Anche l’ex marito della signora aveva ricevuto numerose telefonate dall’ex suocero, che manifestava la volontà di fare del male alla figlia.

Ora è in galera e non potrà più farle nulla (si spera).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto