Girellone alle olive, Coop: “Cessato allarme, analisi ok”

Cessato allarme per il Girellone farcito, che tanto interesse ha suscitato tra le nostre letrici (e lettori). La Coop informa che “A otto giorni di distanza dal ritiro precauzionale avvenuto negli 11 punti vendita su 1200 di Coop del Girellone Farcito del fornitore Forteto, Coop comunica che le altre analisi eseguite hanno confermato che non ci sono stati rischi per la salute dei consumatori”.

Del resto da oggi quel lotto non è più nei supermercati, perché quel lotto scadeva il 14.

 

Una decisione che ha fatto (molta) notizia

Fa notizia, ormai da alcuni giorni, la decisione di Coop di ritirare dagli scaffali Coop il Girellone farcito della Forteto a causa della possibile presenza della listeria monocytogens. È un prodotto di gastronomia fatto con una sfoglia di mozzarella arrotolata a mano e farcita con prosciutto cotto e olive.

Specifico il lotto ritirato: si tratta di quello contrassegnato con il numero 40115 in scadenza mercoledì 14 ottobre 2015.

 

La richiesta del Codacons

“Si tratta di un episodio grave sul quale è necessario fare massima chiarezza – afferma il Codacons -. Per tale motivo presenteremo domani, martedì 13 ottobre, un esposto al ministero della Salute, chiedendo di attivarsi con urgenza e aprire una apposita indagine sull’accaduto. Al di là delle responsabilità dell’episodio, è necessario capire quali rischi abbiano corso i consumatori e chi abbia effettivamente acquistato il prodotto, e verificare eventuali ripercussioni sul fronte della salute”.

 

I consumatori sono invitati a riportare il prodotto

È un prodotto venduto in Toscana, Lazio, Umbria e Campania. I consumatori che lo avessero acquistato l’alimento sono invitati a riportarlo a uno dei punti vendita che provvederanno al rimborso o al cambio. Per ulteriori informazioni è possibile contattare il servizio clienti Coop al numero 0555370574.

 

aaaaaavviso

Cos’è il batterio e quali sintomi provoca

L’agente patogeno della listeria monocytogenes – ricorda IlFattoAlimentare.it – è un batterio che sopporta le basse temperature e può trovarsi in alimenti come il latte crudo, formaggi molli, carne fresca e congelata, pollame, prodotti ittici e prodotti ortofrutticoli. Chi ne viene contaminato può risentire di due forme: da un lato quella più diffusa, caratterizzata da diarrea poche ore dopo aver ingerito il cibo contaminato.

A rischio immunodepressi e donne in gravidanza

La seconda, più grave, è invasiva o sistemica e può dare origine a sepsi, encefaliti e meningiti. Inoltre possono passare anche 90 giorni tra l’ingestione del cibo con il batterio e la manifestazione dei sintomi. Particolarmente a rischio sono le persone immunodepresse o affette da malattie croniche e le donne in gravidanza, che possono andare incontro ad aborti spontanei, parti prematuri o morte del feto.

 

Il Movimento 5 Stelle chiede un’inchiesta parlamentare

Il M5Stelle, approfittando del richiamo del prodotto, chiede un’inchoesta parlamentare sulla cooperativa Il Forteto, che fornisce le olive necessarie alla confezione del Girellone farcito. La senatrice Laura Bottici chiede che sia istituita una commissione d’inchiesta, assieme alla collega Sara Palini, per fare luce “sulla gestione poco limpida della cooperativa”.

Ma la richiesta era precdente al ritiro del prodotto e non ha nulla a che vedere con i consumi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto