Incidente nucleare di Arkhangelsk: il Cremlino lo ammette, ma resta sul vago

Il Cremlino finalmente ha rotto il silenzio sull’incidente avvenuto nella regione di Arkhangelsk, che secondo Rosatom è stato dovuto a un test missilistico fallito.

“Sfortunatamente, gli incidenti avvengono. Queste sono tragedie. È importante ricordare gli eroi, che perdono la vita a causa di questi incidenti”, ha detto il portavoce di Putin Dmitri Peskov, evitando però di commentare il possibile sviluppo di nuove armi da parte della Russia e sorvolando sul numero di questi “eroi”. Si pensa che le vittime siano state almeno 5.

Sulle voci di rischi per la popolazione locale Peskov poi ha detto di “non aver nulla da aggiungere oltre a quello che ho dichiarato”.

“Posso solo assicurare – ha dichiarato – che in una situazione del genere tutte le agenzie competenti fanno di tutto per garantire la piena sicurezza dei cittadini della Federazione Russa”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto