Luca Lotti: “Mi sospendo dal Pd”, il testo integrale

“Caro segretario, apprendo oggi dai quotidiani che la mia vicenda imbarazzerebbe i vertici del Pd. Il responsabile legale del partito mi chiede esplicitamente di andarmene per aver incontrato alcuni magistrati e fa quasi sorridere che tale richiesta arrivi da un senatore di lungo corso già coinvolto – a cominciare da una celebre seduta spiritica – in pagine buie della storia istituzionale del nostro Paese”.

Così Luca Lotti, coinvolto nell’inchiesta sulle procure, in una lettera al segretario del Pd Nicola Zingaretti, con evidente riferimento all’intervista di Luigi Zanda al Corriere della Sera, in cui si chiedeva all’ex braccio destro di Matteo Renzi di fare un passo indietro.

 

La comunicazione dell’auto-sospensione

“I fatti – dice – sono chiari. Tu li conosci meglio di altri anche perché te ne ho parlato in modo franco nei nostri numerosi incontri. Ma io, caro segretario, non partecipo al festival dell’ipocrisia. Sono nato e cresciuto come uomo di squadra. E non so immaginarmi in altro ruolo. Per questo l’interesse della mia comunità, il Pd, viene prima della mia legittima amarezza. Ti comunico dunque la mia autosospensione dal Pd fino a quando questa vicenda non sarà chiarita.

Lo faccio non perché qualche moralista senza morale oggi ha chiesto un mio passo indietro (il riferimento è a Zanda, tesoriere del Pd). No. Lo faccio per il rispetto e l’affetto che provo verso gli iscritti del Pd, cui voglio bene e perché voglio dimostrare loro di non avere niente da nascondere e nessuna paura di attendere la verità”.

IL TESTO INTEGRALE DI LUCA LOTTI SU FACEBOOK

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto