Bergamo, c’è un nipote sotto torchio per il delitto di Villa d’Adda

Non è come sembrava stamattina.

L’uomo trovato morto nella sua casa di Villa d’Adda (Bergamo), non è stato scaraventato dal figlio giù da una finestra, ma è stato ucciso con un’arma da taglio. Sul posto sono arrivati dopo le 9 i carabinieri di Zogno e il sostituto procuratore dlela Repubblica, Fabio Pelosi.

Gli inquirenti hanno effettuato un sopralluogo mentre sono stati effettuati i rilievi all’interno dell’abitazione. Inoltre i magistrati hanno interrogato un familiare della vittima, pare si tratti di un nipote.

Ignoti al momento gli altri particolari e i motivi del gesto.

Sul luogo del delitto sono accorsi i carabinieri.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto