Svelato il “mistero” dei capelli rossi: dipendono da 8 varianti genetiche

Svelato il “mistero della chioma rossa”. Contrariamente a quanto si riteneva fino ad ora, gli scienziati hanno scoperto che la tonalità rossa dei capelli non sarebbe dovuta all’azione di un singolo gene, ma da ben 8 varianti genetiche diverse. È quanto emerge da uno studio pubblicato su ‘Nature Communications’ dai ricercatori britannici dell’Università di Edimburgo, basato sull’analisi del Dna di quasi 350.000 persone raccolto dalla Biobank del Regno Unito.

Ribaltate le conclusioni precedenti

In precedenza – spiegano i ricercatori sulla Bbc online – si credeva che i capelli rossi fossero dovuti all’influenza del solo gene Mc1r, ereditato in due versioni, una dalla mamma e una dal papà. Ma nonostante tutte le persone con i capelli rossi possiedano due copie della versione di Mc1r – hanno osservato gli scienziati – non tutti colore che sono portatori della doppia versione del gene hanno chiome fulve. Pertanto si è dedotto che questa tonalità potrebbe essere il risultato del coinvolgimento di altri geni.

Scoperte altre 200 variazioni

Partendo da questo presupposto, gli studiosi hanno messo a confronto il Dna di persone con i capelli rossi e quello di individui con capelli castani o neri, identificando otto differenze genetiche precedentemente sconosciute. Alcuni di questi geni sarebbero anche in grado di controllare l’attivazione o lo “spegnimento” del gene Mc1r. I ricercatori sono inoltre riusciti a individuare 200 differenti mutazioni genetiche responsabili di altre gradazioni di colore, dal moro al castano scuro, fino al biondo.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto