Ebbene sì: nevica e mia mamma ha pure scoperto il menù della settimana

Oggi mi sono alzata dal letto alle 10.32, non è domenica, lo so, ma non sono andata a scuola e la cosa più bella del non andare a scuola penso sia proprio questa. Ho aperto gli occhi e nevicava. Ho sbloccato il telefono e nevicava ancora di più. Il 70% dei miei amici e contatti, infatti, ha passato il lunedì mattina a documentare questo stranissimo è assolutamente mai visto fenomeno atmosferico, come se fossimo tutti chiusi in una cella senza finestre dall’altra parte del mondo. Il primo pensiero che ho avuto appena sveglia è stato: “ammazzo il criceto al prossimo che posta una foto della neve”.

Voglio dire, non serve che lo scriviate ovunque perché lo capisca. Quindi carissimo amico che posta foto per farmi vedere che c’è la neve, ce l’ho anche io una finestra, sai?
Lasciandomi alle spalle questi momenti di aggiornamento metereologico ho fatto colazione di corsa e ho preso l’autobus per andare a studiare in biblioteca. Eh sì l’autobus. Quello strano mezzo che mia madre pensa sia una discarica con più germi in assoluto, devo dire che non ha tutti i torti, ma non capisce che lo prendono tantissime persone tutti i giorni e, oh mio Dio un miracolo, sono ancora vive! Sull’autobus c’era una simpatica bambina sui tre anni, al momento di scendere le è caduto il ciuccio e puff se lo è rimesso in bocca disinvolta, mia madre avrebbe urlato di orrore.
La mattina si è conclusa al meglio con il tentativo della mamma di cucinare un nuovo piatto ma ehm… diciamo non con ottimi risultati, ma non importa, l’importante è provarci.

Ultimamente ho scoperto un nuovo lato di lei: quello organizzato. Prima di ieri ero io la donna organizzata di casa. Tutto è cambiato quando l’altro giorno sono tornata verso le sei e ho trovato appeso in cucina un menù della settimana con tanto di penna per modificarlo. Colazione, pranzo, cena e addirittura spuntino, tutto già deciso e programmato. Funzionerà?

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto