Italia-Grecia 2-0, gli azzurri già agli europei con i gol di Jorginho e Bernardeschi

L’Italia di Mancini è già qualificata ai prossimi campionati europei con tre partite di anticipo. Ed è anche al primo posto del girone. Mai successa una qualificazione con tanto anticipo. L’Italia all’Olimpico di Roma ha battuta una “rognosa” Grecia per 2 a 0.

Mancini ha conquistato con l’Italia otto partire consecutive, è quasi record. Il Ct azzurro, alla fine, ringrazia prima di tutto il pubblico dell’Olimpico e dedica la vittoria ai piccoli degenti del Bambino Gesù, che la nazionale ha visitato nei giorni scorsi.

 

Il secondo gol a 10 minuti dalla fine

A dieci minuti dalla fine, infatti, gli azzurri – stasera in maglia verde – conducono per due gol a zero contro la Grecia.

La prima rete è stata segnata da Jorginho su un rigore provocato da un tiro di Insigne toccato al 63° ampiamente con la mano dal difensore greco Andreas Bouchalakis.

La seconda è scaturita – a 10 minuti dalla fine – da un tiro di Bernardeschi, deviato da un giocatore greco.

Con la Grecia qualificazione in vista

Qualificazioni europee: stasera appuntamento con Itaia-Grecia, all’Olimpico. L’Italia di Roberto Mancini torna in campo nel percorso che potrebbe portarla a qualificarsi a Euro 2020. L’obiettivo, grazie a un cammino in cui finora non sono stati commessi errori, sembra essere vicini, anzi potrebbe essere centrato già stasera, ma sarà fondamentale affrontare gli avversari con la massima concentrazione per non uscire dal campo delusi.

Diretta tv su Rai1 alle 20,45.

Si gioca allo Stadio Olimpico di Roma, dove è attesa una cornice di pubblico piuttosto importante: si punta ad arrivare almeno a quota 50.000 (gia venduti 45.000 biglietti).

 

La probabile formazione

La nazionale di Mancini dovrebbe scendere in campo con Donnarumma. D’Ambrosio, Bonucci, Acerbi, Spinazzola, Bernardeschi, Jorginho, Verratti, Chiesa, Immobile e Insigne.

 

Gli azzurri in visita al Bambino Gesù

Gli azzurri (che stasera giocheranno con una criticatissima maglia verde fuori ordinanza)  ieri sono stati in visita al Bambino Gesù: appena arrivata in treno da Firenze a Roma, la nazionale si è recata all’Ospedale Pediatrico romano sul Gianicolo per una visita ai giovani pazienti.

Tutto il gruppo, guidato dal presidente federale Gabriele Gravina, dal ct Roberto Mancini e da Gianluca Vialli in veste di ‘ambasciatore’ dei volontari dell’Europeo, ha fatto il suo ingresso nell’ospedale romani alle 18 e ha cominciato un giro a porte chiuse.

Alcuni giocatori (Bonucci, Verratti, Gollini e Jorginho) hanno giocato con le carte a Uno con un bimbo di oncoematologia, altri hanno servito i pasti ai pazienti. Bonucci ha firmato un autografo a un bambino che nel suo letto indossava la maglia Juve.

A tutti, consegnati blocchi e matite per colorare e un cappellino della nazionale. Mancini e il team manager Oriali hanno portato in dono una maglia verde, con il numero 10 a Mariella Enoc, presidente del Bambin Gesù. Ai nazionali è stato invece consegnato un cartellone colorato dai bambini: “Il vostro gol più bello è stato venire da noi in ospedale”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto