Emilio Fede condannato a 3 anni e 6 mesi per bancarotta (e deve risarcire un milione)

I giudici del Tribunale di Milano hanno condannato Emilio Fede a 3 anni e mezzo di carcere per concorso in bancarotta nell’ambito della vicenda legata al fallimento della società di Lele Mora (che ha già patteggiato) e del dirottamento a suo favore di 1,1 milioni di euro della somma stanziata da Silvio Berlusconi per salvare la società dell’ex talent scout.

Deve risarcire subito la somma

Il Tribunale ha anche stabilito che Emilio Fede risarcisca per intero e immediatamente la somma distratta all’impresa individuale Dario Mora, la curatela del fallimento.

La parola alla difesa

Nel corso della sua arringa difensiva, Alessandra Guarini, legale di Emilio Fede, aveva chiesto l’assoluzione con formula piena per l’ex direttore del Tg4 perché “nulla lega Emilio Fede allo stanziamento di queste somme e non vi è prova che queste somme siano state date a Fede per le attività di mediazione o come spartizione in forza di un accordo con Lele Mora”.

L’avvocato Guarini nel suo intervento ha spiegato che “le somme ricevute da Lele Mora non sono entrate nel patrimonio dell’impresa e quindi non è configurabile la distrazione”. “È stata una scelta di Mora usare quelle somme in altro modo”. L’avvocata Guarini ha aggiunto che “non c’è stato alcun patto con Fede, né alcun accordo” che possa far parlare di spartizione. “Non è vero che Fede svolse il ruolo di mediatore” con Berlusconi per far ottenere il finanziamento a Mora, ma ha “solo detto, quando aveva visto Berlusconi, che Mora era in gravi difficoltà”.

Ma i giudici hanno creduto all’accusa

I giudici, però, hanno ritenuto più valide le parole dell’accusa e hanno condannato il giornalista anche a un pesante risarcimento “immediato”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto