Gp Canada: 1° Hamilton, la strategia Ferrari penalizza Vettel, Kimi “assente”

Vince ancora Lewis Hamilton, come a Monaco. A pochi secondi arriva Sebastian Vettel con la Ferrari, ma tanti sono i dubbi su come il box Ferrari ha condotto la gara, con un cambio gomme in più che nessuno sa se era davvero necessario. All’ultimo giro Verstappen induce all’errore Rosberg, a conclusione di una giornata no.

Al terzo posto la Williams di Valteri Bottas. Al quarto la Red Bull di Verstappen, protagonista di una vittoriosa lotta con Rosberg, che non sale sul podio ma finisce quinto.

 

Raikkonen: “Una gara da ragioniere”

Da “ragioniere” la gara di Kimi Raikkonen su Ferrari: parte sesto e arriva sesto, senza neppure uno scintillio. E dire che c’è ancora, in Ferrari, chi pensa di confermarlo per l’anno prossimo. Ricciardo arriva settimo, soffrendo il compagno di squadra. Tanti dubbi sulle rosse al termine di questo Gran premio.

Lewis Hamilton dedica la sua vittoria a Mohammad Alì. Maurizio Arrivabene, team manager della ferrari, non è contento: “Non basta la velocitò, ci vuole la vittoria”.  Elusivo Arrivabene sul seocndo cambio di gomme: “Col senno di poi si può dire che è stato sbagliato”. Forse anche col senno di prima si poteva saperlo, tanto che anche Vettel dice: “Forse abbiamo sbagliato nello scegliere una strategia diversa, le gomme ci hanno complicato la vita. Abbiamo visto che la macchina ha potenziale, ce la siamo goduta e devo ringraziare il pubblico”. Ma poteva andare meglio. Marchionne non sarà contento di tsnti errori consecutivi. Dov’è finito il mitico Ross Brown che azzeccava dal muretto tutte le scelte delle rosse?

aaaaavettel

Vettel in testa al 26° giro

Sebastian Vettel in testa al 26° dei 70 giri del Gran premio del Canada dopo una grande partenza che gli ha fatto superare entrambi i piloti della Merceds. Ancora scintille tra Hamilton e Rosberg, con Lewis che tocca Nico sulla linea di partenza e gli provoca un consistente ritardo. Hamilton si paizza al seocndo posto dietro Vettel. Ma la Ferrari diversifica le strategie del cambio gomme, per cui non si sa nei giri finali cosa accadrà.

Al terzo posto si è piazzato Verstappen su Red Bull, al quarto la Ferrari di Raikkonen, al quinto ancora una Red Bull, quella di Ricciardo. Robserg è solo settimo. Niki Lauda, della Mercedes, parla di un “Incidente di gara” con Hamilton, ma chissà Nico cosa pensa davvero. Situazione imprevista, al momento però non si sa se la Ferrari finalmente avrà un Gran premio vincente.

Hamilton parte in Pole

Lewis Hamilton è in Pole, ancora una volta. Nico Rosberg con l’altra Mercedes è secondo per soli 62 millesimi. Ma al terzo posto c’è Sebastian Vettel che esulta perché è a soli 178 millesimi dalla Mercedes del Poleman inglese. Al fianco di Vettel partirà la Red Bull di Ricciardo, al quinto quella di Verstappen, al sesto la Ferrari di Kimi Raikkonen, che non riesce a sfruttare il nuovo potenziale della sua vettura.

Stasera dovrebbe essere una gran bella gara. Si parte senza pioggia, ma con un grande freddo al quale non si sa come reagiranno le vetture impegnate in Canada. E non si sa neppure se la pioggia arriverà durante il gran premio. La partenza è alle 20, diretta tv solo Sky. Su Rai2 la differita della gara alle 23.

Sulla pista canadese Michael Schimacher ha vinto 7 volte. Ma quella, per le rosse di Maranello, era un’altra stagione, decisamente migliore.

 

La Pirelli: “Probabile una sola sosta”

“Con le condizioni meteo incerte, ci sono stati diversi punti interrogativi durante le qualifiche che ritroveremo in gara. Sembra si prevedano temperature basse, e potrebbe esserci della pioggia. Con consumo e degrado bassi, lo scenario più probabile è quello di una sola sosta. Ma i team dovranno restare aperti a ogni strategia. In passato abbiamo visto che qui la Pole position non è necessariamente cruciale per il successo, quindi tutto è ancora apertissimo”: queste le valutazioni del direttore Motorsport Pirelli, Paul Hembery, in merito al Gran premio del Canada di Formula 1, in programma stasera (ora italiana).

aaaaaaa-pirelli

Per quanto alla strategia di gara, se la temperatura è bassa, “partire sulle supersoft e poi passare alle soft nel giro 26 è in teoria la soluzione più veloce. Partendo sulle ultrasoft usate (come faranno tutti i primi dieci piloti), la strategia è estremamente simile, con il passaggio alla soft un run prima, nel giro 25”, ha spiegato ancora Hembery.

 

La pioggia segna le qualifiche

Ancora Mercedes, ancora Hamilton nelle libere del Gran premio del Canada che si corre domani. Ma le qualifiche per la Pole si corrono sotto la minaccia della pioggia. Per questo i piloti e le vetture migliori sono subito in pista. L’unico che non partecipa è Magnussen che la sfasciato la sua Renault contro un muro nelle terze libere, che si sono corse in mattinata. Domani partirà dai box.

Incidente anche  per Kvyat nel Q2. La sua Toro Rosso finisce ko. Anno no per il pilota russo, “retrocesso” dalla Red Bull per lasciare il sedile a Verstappen. Comunque Kvyat riesce a finire la sua qualifica, anche se è 13° e quindi fuori dal Q3. Ma il pilota russo partirà tre posizioni più indietro per una penalizzazione rimediata a Montecarlo. Anche l’altro pilota della Toro Rosso, Sainz, finisce fuori dal Q3.

 

Hamilton il più veloce nelle libere

Lewis Hamilton, su Mercedes, si è confermato il più veloce anche nella seconda sessione di prove libere di ieri, in vista del Gran Premio del Canada, precedendo questa volta il ferrarista Sebastian Vettel (nella foto sotto), che ha fatto meglio del connazionale Nico Rosberg con la seconda Mercedes. Da notare chela Ferrari, in Canada, si è spesa altri due “gettoni” per potenziare la vettura.

Quarto tempo, come nelle libere di ieri mattina, per il giovane della Red Bull Max Verstappen, seguito stavolta dal compagno di squadra Daniel Ricciardo, mentre Kimi Raikkonen con l’altra Ferrari ha chiuso ottavo, preceduto da Valtteri Bottas con la Williams e dalla McLaren di Jenson Button, che hanno fatto segnare lo stesso tempo al millesimo.

La diretta della Pole in onda alle 19 in esclusiva Sky, in replica alle 23,20 su RaiDue. La gara di domani sarà trasmessa a partire dalle 20, sempre in esclusiva della tv satellitare.

A Monaco ha vinto Hamilton

Vince Lewis Hamilton, ma non è questa l’unica sorpresa del Gran premio di Monaco. Per Hamilton è la seconda vittoria nel Principato. Una delle principali è che Hamilton ha doppiato il suo compagno di squadra e leader del mondiale, Rosberg, che arriva settimo, superato anche da Hulkenberg.

Al secondo posto il “povero” Daniel Ricciardo, penalizzato dalla scelta folle del box della Red Bull, che non gli ha fatto trovare le gomme pronte al pit stop. Davvero assurdo.

Al terzo un pilota inatteso: Peres della Force India, che scavalca uno sconsolato Sebastian Vettel, che non riesce a portare sul podio la Ferrari, a conclusione di un week disastroso che ha visto anche il ritiro dopo soli 12 giri di Kimi Raikkonen. Arrivabene, team manager della Ferrari, avrà molte cose da spiegare su quello che sta accadendo alle rosse di Maranello.

Al quinto posto c’è la McLaren di fernando Alonso, che precede la Mercedes di Rosberg, con Hamilton che è arrivato a 24 punti dal compagno leader del mondiale. Furibondo, ovviamente, Ricciardo, che dice: “Non parlo, potete vedere da voi cosa è accaduto”.

aaaaaa-hamilton

Il clamoroso errore della Red Bull

Clamoroso errore della Red Bull al pit stop del 24° giro per il cambiamento delle ruote di Daniel Ricciardo. Un’incertezza su quale gomma scegliere coglie, infatti, i meccanici di Ricciardo, costretto a perdere del tempo prezioso.

Intanto Perez della Force India ha sorpassato la Ferrari di Vettel, che comunque è ancora in gara, mentre soffre Rosberg con una Mercedes che forse non funziona benissimo. Per olr ail pit stop sbagliato ha compromesso la gara di Ricciardo. Vettel intanto è quarto, Fernando Alonso con la McLaren è quinto, Rosberg è sesto.

Alla curva del casinò Verstappen va di nuovo a muro. Virtual safety car. Ricciardo sta per regalarsi il controsorpasso su Hamilton, che lo chiude contro il muro. Grandi proteste del pilota Red Bull nei confronti dell’inglese della Mercedes, che finisce “under investigation” (nella foto in basso la vettura di Lewis Hamilton).

 

Al 51° giro nuova virtual safety car

Si scontrano le due Sauber al 51° giro, perché Nasr non vuol cedere il posto al compagno di squadra Erikson. Finisce male per entrambi e scatta una nuova safety car, sia pure virtuale.

Ora in testa c’è Hamilton, poi Ricciardo, quindi Perez e subito dietro Vettel. La gara potrebbe finire a due ore dall’inizio, cioè alle 16, senza che si completino il numero di giri previsti.

 

La pioggia condiziona Montecarlo

Piove a Montecarlo e saltano tutte le strategie della vigilia per il Gran premio di Monaco. La partenza avverrà, quindi, dietro la safety car. Anche le tattiche studiate per le gomme non funzionano più. Sarà una giornata ricca di impreviste emozioni nel Principato.

Il primo a fermarsi è Palmer su motore Renault e scatta una nuova safety car, questa volta virtuale. Ma al 12° giro appare anche la Ferrari di Raikkonen con l’ala anteriore sotto la ruota anteriore sinistra. Il pilota della Ferrari blocca anche Grosjean. Non solo Kimi è costretto al ritiro, completando un week end disastroso, ma viene anche investigato per l’impatto con il pilota francese. Vettel è ra i primi a sostituire le gomme da bagnato, la Ferrari – senza Raikkonen – prova una strategia diversa con una tattica più aggressiva.

 

Il principe Grimaldi sul circuito

Intanto il principe Alberto Grimaldi e la principessa sono arrivati sul circuito. La Formula 1 può partire. Ultima notizia: Verstappen partirà dai box,  meccanici della Red Bull, dopo l’incidente di ieri, hanno dovuto cambiargli anche il telaio.

aaaaaa-ricciardo

Ricciardo ieri ha conquistato la Pole

Il pilota della Red Bull Ricciardo conquista la sua prima pole position in carriera a Montecarlo. Nuova delusione per i tifosi delle Ferrari: Sebastian Vettel partirà soltanto dal quarto posto in griglia, dopo il pilota della Red Bull e i due della Mercedes, Rosberg e Hamilton, secondo e terzo rispettivamente, mentre Kimi Raikkonen prenderà il via dall’undicesimo posto che, in un circuito cittadino come Montecarlo, è in pratic una condanna alla sconfitta prima ancora di partire.

La diretta del gran premio sarà tramessa da Sky e,in chiaro, da Rai1, a partire dalle 14. A mezzogiorno il circuito di Monaca era ancora battuto dalla pioggia, che potrebbe scnvolgere le gerarchi stabilite ieri. In particolare Sebastian Vettel è sempre stato molto breve con le strade bagnate.

Qualifiche piene di colpi di scena

Quelle di ieri sono state qualifiche piene di colpi di scena: la Red Bull di Verstappen è finita contro un muro, la Mercedes di Hamilton ha dovuto fermarsi mentre stava per lanciarsi per la Pole. Erano 43 Gran premi che una Red Bull non conquistava la Pole. L’ultima fu in Brasile. I “bibitari”, comunque, con la vittoria in Spagna e la Pole di oggi, ha cambiato l’inerzia di questo mondiale.

Al secondo posto partirà la Mercedes di Rosberg, al terzo quella di Hamilton, al quarto la Ferrari di Vettel, che stamattina sembrava più veloce.

aaaaaaa-rossoferrari

Il disastro inatteso delle due Ferrari

Lo sfurtunatissimo Kimi Raikkonen, con la seconda Ferrari, doveva essere sesto in griglia, ma paga la penalizzazione e domani si muoverà da undicesimo. Marchionne e Arrivabene, che tanto avevano propagandato i “successi” delle rosse, ora avranno su cosa riflettere. Infatti Vettel, quarto, è staccato di quasi un secondo da Ricciardo, mentre Raikkonen fa il suo giro veloce impiegando oltre un seocndo in più del pilota della Red Bull (+1.110), scavalcato anche da Nico Hulkenberg. Un disastro, anche prescindendo dai 5 posti di penalizzazione di domani.

 

 

Si “imballa” la Mercedes di Hamilton

Nuova sorpresa nelle qualifiche per la Pole del Gran premio di Monaco. Quando sta per iniziare il Q3, infatti, si rompe – ancora nella strada dei box – la Mercedes di Lewis Hamilton, che non riesce a entrare in strada. Ma a 6 minuti dalla fine, Hamilton riesce a tornare in pista, più furente che mai.

Ricciardo è velocissimo e punta alla Pole. Ma non è ancora finita.

 

Vettel sorprende con la Ferrari

Colpo di scena nel Principato di Monaco: Sebastian Vettel, ponendo riparo alle disastrose prove di giovedì, ha ottenuto con a Ferrari il miglior tempo nelle ultime libere prima delle qualifiche per il Gran premio di domani. Vettel è seguito da Rosberg e Hamilton sulle loro Mercedes, quarto Ricciardo su Red Bull. Soltanto sesto Raikkonen perché la sua rossa è andata a sbattere contro le barriere. Ma la sfortuna di Kimi non finisce qui: è stato costretto, infatti, a sostituire il cambio e quindi partirà con una penalità di 5 posti sulla griglia di domani.

aaaaaaa-muretto

A Montecarlo splende il sole, ma per Kimi (nella foto qui sotto) piove sempre sul bagnato, come si dice. Vanno male le cose anche al neo arrivato in Red Bull, Max Verstappen, come mostra l’immagine qui sopra.

 aaaaaa-kimi

Verstappen contro il muro nel Q1

La sorpresa più clamorosa arriva durante le qualifiche. Verstappen, recente vincitore in Spagna, porta la sua Red Bull contro il muro, che rompe il naso. La vettura si sfascia, bandiera rossa e il giovane pilota sarà punito domani: partirà ultimo perché non può finire le qualifiche.

 

La Pole in diretta dalle 14

Gran premio di Monaco: oggi le vetture di Formula 1 sfrecceranno tra le strade strette del Principato di Monaco, una gara di grande fascino, ma sempre più difficile perché di fatto impedisce i sorpassi. Di maggiore importanza del solito, quindi, la conquista della Pole per la quale si gareggia oggi a partire dalle 14.

La diretta di questo Gran premio è anche visibile in chiaro sulla tv pubblica. Alle 14 collegamento con SkyF1, ma anche su Rai2 – per chi è appassionato di automobilismo ma non ha il contratto con Sky.

Anche la gara di domani sarà trasmessa in diretta da Rai1. Nella foto di apertura: la rivelazione Verstappen, appena arrivato dalla Toro Rosso alla Red Bull.

 

Male le Ferrari giovedì, bene Ricciardo su Red Bull

A stupire nella prima giornata in pista del Gran Premio di Monaco – nelle libere che, come da tradizione si sono disputate un giorno prima, di giovedì – è stata la Red Bull di Daniel Ricciardo, capace di segnare il miglior tempo assoluto stradine del circuito cittadino del Principato.

L’australiano (nella foto qui sopra), unico ad abbattere il muro dell’1’15” e già in evidenza nell’ultimo Gp di Spagna a Montmelò, si è messo alle spalle entrambe le Mercedes di Lewis Hamilton e Nico Rosberg e il giovanissimo compagno di squadra Max Verstappen, astro nascente della Formula 1.

 

Qualche errore di troppo delle rosse

In difficoltà le Ferrari che, oltre a commettere qualche errore di troppo, hanno messo insieme soltanto un settimo tempo con Kimi Raikkonen e un nono con Sebastian Vettel. Al quattro volte campione del mondo tedesco era andata meglio in mattinata quando con la sua Ferrari SF16-H era riuscito a firmare un terzo tempo (1’15”956) alle spalle delle Mercedes di Hamilton (1’15”537) e Rosberg (1’15”638). ”Non abbiamo avuto una buona giornata per entrambi, ma non so cosa sia accaduto a Kimi (Raikkonen, ndr) – ammette Vettel – siamo molto più veloci dei tempi fatti oggi e – aggiunge il pilota tedesco – non sono preoccupato”.
Ancora più decisa la posizione di Raikkonen: ”C’è molto da migliorare, sono errori che si commettono. Nel pomeriggio siamo migliorati, non è una tragedia quanto successo oggi. Non cerchiamo di rendere le cose peggiori di quello che sono”. Vedremo oggi cosa accadrà, le posizioni di giovedì – se riconfermate – aprirebbero una crisi seria nella ferrari di Marchionne e di Arrivabene.

 

Verstappen, la sorpresa di Montmelò

Grande sorpresa al Gran premio di Montmelò.Vince un diciottenne, ma quel diciottenne è un grande pilota figlio d’arte: è Max Verstappen alla sua prima gara in Red Bull. Il padre Jos è stato anche lui un pilota di Formula 1, la madre una campionessa di kart. Quando si dice il Dna. Max (in alto da solo, in basso col padre) diventa il pilota più giovane a vincere in Formula 1: 18 anni e 7 mesi per la precisione.  Qui la sua pagina Instagram.

Al secondo posto due Ferrari, quella di Kimi Raikkonen, secondo, e quella di Sebastian Vettel, terzo.

La Red Bull di Ricciaro, invece, ha avuto dei problemi verso la fine  e ha dovuto tornare ai box, mentre tallonava Vettel.

Senza punti e senza gara le due Mercedes, quelle di Rosber e Hamilton, che si sono scontrate in partenza. Raikkonen ora è secondo anche nel mondiale, alle spalle di Rosberg.

aaaaaajos

La classifica mondiale

Dop il Gran premio di Montmelò e lo stop autoimpostosi dlala due Mercedes, la classifica del mondiale piloti vede Rosberg eader con 100 punti, Raikkonen secondo con 61, terzo Hamilton con 57, quarti alla apri Ricciardo e Vettel con 48 puntu.

Le due Mercedes si eliminano tra loro alla partenza

Clamoroso impatto in partenza sul circuito di Montmelò. Lewis Hamilton e Nico Rosberg, dopo poche centinaia di metri, si scontrano tra loro.
La responsabilità principale sembra di Rosberg. Hamilton, pe rla rabbia, ha gettato via il suo volante, cosa vietatissima.

Secondo Niky Lauda, dirigente importante della Mercedes, Hamilton ha la sua parte di responsabilità.

Intanto in testa alla corsa ci sono le due Red Bull, primoRicciardo, secondo Verstappen. Terza è la Ferrari di Vettel, quarto Raikkonen, sempre alla guida di una rossa.

Safety car in pista e la gara ora è completamente diversa rispetto al previsto. Sotto investigazione sia Rosberg che Hamilton. Per la Ferrari si aprono oggi nuovi scenari.

 

Prende fuoco la Force India

Al 22° giro dei 66 previsti, si vedono fumo e fuoco dalla Force India di Hulkenberg. Il pilota, avvertito subito dai box, si ferma e aiuta gli ssteward a spegnere le fiamme sulla sua vettura. Ma è costretto al ritiro.

aaaaaaaascontro

La Ferrari ieri nelle qualifiche stentava

Tanti annunci e tante promesse, invece va di male in peggio per le rosse. Oggi al Montmelò prima fila Mercedes nel Gran Premio di Spagna. Sul circuito di vicino a Barcellona, Lewis Hamilton partirà dalla Pole position precedendo il compagno di squadra Nico Rosberg.

Ma non è questo il peggio, in quanto i tifosi della Formula 1 ci sono abituati. Il peggio è che entrobe le Ferrari vengono precedute dalle Red Bull di Ricciardo e del nuovo arrivato Verstappen. Soltanto quinta la Ferrari di Kimi Raikkonen davanti all’altra Rossa di Sebastian Vettel.

Il Gran premio sarà trasmesso in diretta tv soltanto da Sky Formula 1 a partire dalle 14. In differita alle 21 su Rai2.

aaahamilton

Ieri le qualifiche

La diretta tv per la Pole positin è alle 14. Questa volta soltanto su Sky, sulla Rai la Pole va in differita.

Le qualifiche prevedono tre manche (Q1, Q2 e Q3) con eliminazioni solo al termine di ciascuna sessione, a differenza di quanto avevamo visto a Melbourne e Sakhir con un verdetto ogni 90 secondi. Pe rla prima volta Verstappen correrà con la Red Bull, al fianco di Ricciardo, mentre Kvyiat è stato “retrocesso” alla Toro Rosso, con una mossa abbastanza inconsueta delle aproprietà di entrambe le marche.

Nel Q1 girano tutti i piloti: al termine vengono eliminati i sei peggiori tempi e dunque da 22 piloti si passa a 16. Stesse modalità nel Q2, al termine del quale rimarranno solamente 10 piloti, che saranno quelli che si giocheranno la pole position e più in generale le posizioni nelle prime cinque file della griglia di partenza nel Q3.

La Ferrari spera, perché nelle libere ha ottenuto ottimi tempi, specie con Raikkonen. Rosberg ancora primeggia. I piloti di Maranello sperano di non essere più “perseguitati” da quella che Marchionne ha chiamato “sfortuna”.

 

Nico Rosberg vittorioso anche a Sochi

 

Un’altra vittoria per Nico Rosberg e la sua Mercedes, stavolta sul circuito di Sochi dove si è corso il Gran premio di Russia.

Nico, con quella di oggi, ha infilato un filotto di vittorie davvero impressionante: ha vinto gli ultimi tre Gran premi dell’anno scorso e tutti quello di quest’anno: sette in tutto, una cifra da record.

Al secondo posto il suo compagno di squadra Lewis Hamilton, che ha fatto una grande rimonta partendo dal 10° posto, finché non è stato avvisato dal box che poteva avere qualche problema con l’acqua delle sua Mercedes.

Terzo Kimi Raikkonen, unico superstite del team Ferrari, visto che Vettel è finito ko all’inizio del primo giro. Inizio del mondiale da brividi per Sebastian.

Quarte e quinte le Williams di Valteri Bottas e di Felipe Massa. Sesto, per la prima volta con la McLaren, Fernando Alonso.

 

Vettel ha bisogno di un esorcista

Sebastian Vettel ha bisogno di un esorcista. Dopo l’incidente con Raikkonen in patenza in Cina, ora il pilota tedesco della Ferrari è fuori dai giochi in Russia, senza aver effettuato neppure un giro.

Alla partenza, infatti, è stato toccato più volte e ha perso il controllo della sua rossa. È stata la Red Bull di Daniel Kvjat ad averlo toccato due volte. Vettel è assolutamente incolpevole. Kvjat verrà punito con 10 secondo di stop, ma ormai per Vettel la frittata è fatta. “Non sta bene se chi ti sta dietro non frena, ormai ero quinto”, afferma un Sebastian tra lo sconsolato e l’infuriato.

Intanto Raikkonen ripartirà dal terzo dietro la safety car che è appena scesa in pista. Rosberg ha mantenuto il comando, secondo Bottas con la Williams, mentre Hamilton dal 10° è salito già al 5° posto.

Un’occasione persa nelle qaulifiche per la Ferrari di Raikkonen

La Ferrari perde un’altra occasione, mentre Rosberg conquista l’ennesima Pole position al Gran premio di Russia. La gara in diretta esclusiva Sky, con partenza alle 14 (ora italiana)

Sebastian Vettel, infatti, paga la sostituzione del cambio e dal 2° retrocede al 7° posto. Il suo compango di squadra Kimi Raikkonen non riesce a partire dalla prima fila, perché al seocndo posto lo precede la Williams di Valteri Bottas.

Ancora un colpo di sfortuna anche per Lewis Hamilton. Il pilota della Mercedes, che era stato tra i primissimi, anche oggi ha avuto di nuovo problemi all’auto e non ha partecipato alla parte finale delle qualifiche. Partirà perciò, dalla quinta fila al decimo posto, a meno che non venga ulteriormente penalizzato perché era sotto per un errore compiuto in Q1 per essere rientrato in pista dopo un lungo: l’inglese non avrebbe rispettato le indicazioni dei commissari e ora va anche appurato se rimedierà qualche altro posto indietro sulla griglia. Annata decisamente storta per Lewis Hamilton.

 

 

Hamilton il più veloce nelle libere

Anche il Gran premio di Russia, che si disputa sul circuito di Sochi, inizia male per la Ferrari. Mentre Hamilton è il più veloce nelle libere e Rosberg lo tallona da vicino, la rossa di Sebastian Vettel sarà retrocessa di cinque posizioni nella griglia di partenza del Gp di Russia, penalizzato per una sostituzione non prevista del cambio della sua Sh16-H. Lo ha annunciato la direzione di corsa, dopo che la scuderia ha deciso di cambiare il componente sulla monoposto del pilota tedesco, che si era bloccata durante la seconda sessione delle libere di oggi interrompendo anzitempo il lavoro del pilota.

Secondo i regolamenti (alquanto assurdi per la verità) una scatola del cambio non può essere sostituita prima di aver completato sei gare e l’intervento odierno, prima della quarta corsa della stagione, ha fatto scattare automaticamente la penalizzazione.

 

aaasochi

Rosberg: tre vittorie in tre gare, le notizie del 17 aprile

La vittoria – mai messa in discussione oggi – è di Nico Rosberg su Mercedes, per la terza volta nelle tre gare disputate quest’anno. Per Nico è la vittoria numero 17 in Formula 1.

Ma al seocndo posto c’è un miracoloso Sebastian Vettel su Ferrari, nonostante il disastroso impatto in partenza con l’altra rossa del compagno Kimi Raikkonen (nella foto in apertura) e un altro urto con Bottas, che gli ha portato via l’ala, costringendolo a correre con una vettura in parte “monca”.

Al terzo posto Kvyat su Red Bull, anche lui protagonista dello scontro in partenza con le rosse. Al quarto Riccardo con la seocnda Red Bull.

Anche Raikkonen, costretti a una lunga e difficile rincorsa, riesce ad andare a punti: è quinto. Hamilton, invece, non riesce a portare a termine la sua rimonta: arriva soltanto settimo. Ormai la sua distanza dal compagno di squadra è molto consistente.

aaaarusso

Vettel litiga con Kvyat: “Bada a dove vai”

“Sei matto, sei entrato come un razzo sulla destra”: così un Vettel infuriatissimo si è rivolto a Kvyat accanto a lui sul podio.

“Ma sono le corse, c’era lo spazio e sono entrato” la replica del pilota russo della Red Bull.

Pronta la controreplica di Sebastian: “Ma devi immaginare che ci sono macchine anche a sinistra, capisco che è una gara, stavolta ti è andata bene”.

“Io sto facendo la mia gara – ha ribadito Danil – non posso vedere tutto quello che accade in pista. E comunque siamo entrambi sul podio, dimentica”. Ma le scintille non si sono del tutto placate.

 

Inizio disastroso per le rosse a Shangai

Inizio disastroso per le due Ferrari al Gran premio di Cina. Il più danneggiato è stato Kimi Raikkonen, investito da Kvyat con seri danni per la rossa, che deve rientrare ai box per sostituire il musetto. Anche Hamilton ai box per un altro incidente in partenza. E non va bene neanche per Sebastian Vettel che continua con la sua vettura danneggiata. Ma anche Vettel – a sua volta spostato in questa vorticosa partenza – ha toccato Kimi Raikkonen. Le due Ferrari si sono danneggiate tra loro-

Dopo pochi giri in testa ha una foratura anche la Red Bull di Daniel Ricciardo. Insomma un inizio thrilling. In testa al 4° giro Rosberg su Mercedes.

Safety car in pista al 5° giro per i troppi detriti sul circuito. I tecnici della Ferrari sostituiscono l’ala della sua vettura. Ma, dopo qualche giro, Vettel si tocca con Bottas e danneggia di nuovo l’ala. Stavolta – anche se ci sono detriti in pista – non viene usata la safety car.

 

Ferrari deluse per la Pole

A Shangai stamattina via al Gran premio della Cina. Non è andata come si pensava prima dell’ultimo giro per la Pole. Migliora tantissimo la Mercedes di Rosberg, al secondo posto la Red Bull di Ricciardo e solo al terzo e al quarto le due Ferrari di Raikkonen e di Vettel, da tutti attese in prima fila. Un errore di Raikkonen, l’attesa fino all’ultimo secondo di Vettel hanno penalizzato le vettura di Maranello.

Un’occasione d’oro per conquistare la Pole è stata gettata al vento.

Ma la sorpresa negativa è l’ultimo posto in griglia di Lewis Hamilton. La gara di Shangai sarà trasmessa alle 8 da Sky Formula 1 e da Rai1.

aaaarossa

Clamorosa sorpresa: si ferma subito Hamilton

Clamorosa sorpresa al Gran premio della Cina. Si ferma la Mercedes di Lewis Hamilton al Q1 e il pilota inglese domani dovràpartire per ultimo, scontando anche i 5 posti di penalizzazione sulla griglia. Era dal 2014 che Hamilton si fermava al primo step delle qualifiche.

Al momento la Ferrari di Vettel è prima, quella di Raikkonen è seconda, Rosberg con l’altra Mercedes, alla fine del Q1, è sesto.

aaahamilton

“Bisogna trarre spunti positivi dagli eventi negativi”: commenta Hamilton (nella foto qui sopra) con una certa filosofia, prendendo atto che la sua fin qui “non è stata una stagione fortunata”.

 

La gomma gialla di Rosberg, quella rossa delle Ferrari

Domani Rosberg partirà con la gomma gialla, mentre sia Vettel che Raikkonen dovranno partire con la rossa. Quella del pilota tedesco della Mercedes avrà più durata e gli consentirà discegliere una gara con una o con due soste.

 

Ottime notizie per Marchionne e Arrivabene

Ottime notizie per Marchionne. per Arrivabene e per le rosse di Maranello.
Ci sono due Ferrari al comando dopo le prove libere del venerdì del Gran premio della Cina, con Raikkonen davanti a Vettel.

Stamattina alle 9 il giro per la Pole in diretta tv Skt e Rai2. Le qualifiche torneranno ad essere alla vecchia maniera, dopo il fallimento del nuovo formato.

 

Vettel il migliore nelle libere 3 sotto la pioggia

Nelle ultime libere, le terze disputate alle 6 di stamattina (ora italiana) sotto la pioggia Sebastian Vettel è stato il più veloce.

Il tedesco ha segnato il miglior tempo nell’ultima ora che precede le qualifiche del terzo appuntamento iridato 2016. Sotto l’acqua di Shanghai, Vettel in 1’57″351 ha preceduto la Williams di Valtteri Bottas di 7 decimi e la Force India di Sergio Perez.

Invece soltato dodicesima la seconda Ferrari, quella di Kimi Raikkonen. Le Mercedes di Nico Rosberg e Lewis Hamilton hanno preferito non girare: solo 14 vetture su 22 sono scese in pista per misurarsi con un giro veloce.

 

Kimi il più veloce nella seconda sessione

Kimi, nella seconda sessione, ha preceduto il compagno di squadra di 109/1000. Le due Mercedes sono in seconda fila. Le fortissime monoposto tedesche, che avevano chiuso in testa la prima sessione, sono al 3° posto con Rosberg, staccato di 237/1000, e al 4° con Hamilton, a 433/1000.

Tutti i tempi migliori della seconda sessione sono stati realizzati con le mescole supersoft. Il tabellone delle seconde libere (la foto è sotto) presenta la Red Bull di Ricciardo al quindo posto e la Toro Rosso di Verstappen al sesto.
Alonso, 11° nelle seconde libera, ha ottenuto il via libera dei medici per gareggiare.

Hamilton sulla griglia del Gp sarà penalizzato di 5 posizioni per aver cambiato la scatola del cambio.

aaaaaorovelibere

 

Così in televisione

La terza sessione è in programma alle 6 di domani, sabato 16 aprile, e le qualifiche per la Pole scatteranno – sul circuito di Shangai – alle 9.

La gara, domenica 17 aprile, inizierà alle 8. Sky trasmetterà le dirette sul canale Sky Sport F1 HD, mentre la Rai prevede un’offerta più frammentata: le prove libere saranno visibili su Rai Sport 1, le qualifiche su Rai 2 e la gara su Rai 1.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto