Delitto Melania Rea: la Cassazione conferma i 20 anni a Salvatore Parolisi

È stata confermata dalla Corte di Cassazione la condanna a 20 anni a Salvatore Parolisi per l’omicidio della moglie, Melania Rea, che era scomparsa in un bosco del teramano l’11 aprile del 2011.

Il ricorso di Parolisi contro la snetenza di appello oggi è stato “rigettato” come aveva chiesto il Procuratore della Cassazione. È stats, quindi, convalidata la sentenza della corte di Assise di Perugia, nel seocndo processo di Appello, con la sentenza emessa il 27 maggio dell’anno scorso, che ora diventa definitiva.

 

In appello pena ridotta da 30 a 20 anni: maggio 2015

Da 30 a 20 anni: ridotta la pena per Salvatore Parolisi, l’ex caporalmaggiore condannato per l’omicidio della moglie Melania Rea, uccisa il 18 aprile 2011 a 29 anni. Lo ha deciso la corte d’appello di Perugia su impulso della Cassazione che aveva imposto di rideterminare gli anni di carcere inflitti all’uomo. Il motivo della riduzione sta nel fatto che non è stata riconosciuta l’aggravante della crudeltà, che invece nei precedenti giudizi aveva portato a una pena di 30 anni.

Escluse le attenuanti generiche

Escluso invece il riconoscimento, come richiesto dal procuratore generale, delle attenuanti generiche, che avrebbero consentito di ridurre ulteriormente gli anni di reclusione. Ci puntavano invece i difensori di Parolisi, Nicodemo Gentile e Valter Biscotti, che avevano sottolineato come l’uomo fosse incensurato prima dell’omicidio della moglie e che sul suo stato di servizio non fossero emersi problemi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto