F1 in Spagna: vince Hamilton, 2° Bottas, 4° Vettel, Ferrari tra errori e problemi

Giornata sì per la Mercedes sul circuito di Montmelò, in Catalogna. Primo Hamilton, seocndo Bottas.

Giornata no per entrambe le Ferrari. Vettelò si classifica soltanto 4° anche per un errore di strategia al pit stop. Sebastian entra ai bozx da seocndo, ne esce quarto e non riesce più a rimontare preecedeuto sul podio dalla Red Bull di Verstappen. Il più sfortunato è Kimi Raikkonen, costretto al ritiro per problemi al momento sconosciuti.

Hamilton accumula altri punti di vantaggio su Hamilton nella classifica del mondiale piloti, mentre la Mercedes sorpassa la Ferrari nella classifica mondiale dei costruttori.

Questa la classifica all’arrivo del Gran premio di Spagna.

Nuovo dominio della Mercedes

Gran premio di Spagna: va benissimo alla Mercedes nel giro finale, con Hamilton che conquista la Pole position e Bottas la seconda posizione.

Sebastian Vettel, che era andato benissimo in tutte le qualifiche, oggi alle 15,10 (diretta SkyF1) partirà dal 3° posto in griglia, dove è finito per pochi millesimi. Al quarto posto l’altra Ferrari di Kimi Raikkonen. Seconda fila tutta rossa.

Hamilton (nellla foto qui sopra) ha firmato il tempo di 1:16:173 (nuovo record della pista), precedendo di un niente il compagno di squadra Valtteri Bottas (+0,040) e Sebastian Vettel: il ferrarista ha chiuso col terzo tempo (+0.132), davanti al compagno di squadra Kimi Raikkonen (+0,439) e partiranno dalla seconda fila.

Le Red Bull in quinta e sesta posizione

Dietro alle due Mercedes e alle due Ferrari, in quinta e sesta posizione le due Red Bull di Max Verstappen (+0:643) e Daniel Ricciardo (+0:645), che hanno preceduto la Haas di Kevin Magnussen (+1:503) e la McLaren di fernando Alonso (+1:548). In quinta fila la Renault di Carlos Sainz (+1:617) e l’altra Haas di Romain Grosjean (+1:662).

“Avevo bisogno di questa Pole”: dice alla fine un Lewis Hamilton molto sorridente. Oggi sarà difficile sorpassarlo.

La grafica in basso con le prime dieci posizioni è della Gazzetta dello sport. Domani – domenica 13 maggio – la gara in diretta alle 15,10 in esclusiva Sky.

Un circuito difficile in Spagna

La Formula 1 riparte dal Gran premio di Spagna. La diretta per la Pole, sabato 12 maggio, è dalle 15 solo su Sky.

Il circuito di Montmelò è particolarmente stressante per le vetture, soprarttutto con il variare delel temperature.

Dalle 12 alle 13 le vetture sono in pista per le terze libere.

Lewis Hamilton (nella foto in apertura) è stato il più veloce nella seconda sessione di prove libere in vista del gran premio di Spagna che si correrà domenica sul circuito di Montmelò. Il pilota della Mercedes ha girato in 1’18’259.

Alle sue spalle le Red Bull di Daniel Ricciardo e Max Verstappen. Quarto tempo per la Ferrari di Sebastian Vettel, sesto per quella di Kimi Raikkonen che è stato costretto a terminare prima del tempo le prove per un problema alla power unit. Ha cambiato il motore, ma non è stato penalizzato.

Bottas, che era stato il più veloce nelle prove della mattina, ha chiuso la seconda sessione con il quinto tempo.

 

L’autoscontro in Azerbaigian del 30 aprile

Incredibile finale del Gran premio Azerbaigian. Si susseguono i colpi di scena, negli ultimi giri. L’uscita, per la seconda volta della safety car, sconvolge le gerarchie.

Bottas, che anocra non aveva cambiato le gomme, si ritrova al primo posto. Vettel che avrebbe sorpassato il pilota Mercedes al pit stop, si ritrova secondo. Kimi Raikkonen, sprofondato in fondo ai piloti in gara, sale sul podio al secondo posto.

Sergio Perez è terzo con la Force India.

Bottas si vede esplodere una gomma mentre sta andando in solitaria verso il traguardo. Alla fine vince – abbastanza immeritatamente – Hamilton, che però conquista il primo posto nel mondiale piloti.

Vettel frena tardi

Vettel, a sua volta, nel finale per recuperare un posto sul podio, frena tardi, va lungo e arriva quarto.

I due piloti della Red Bull si danno battaglia non come avversari, ma come nemici, si socntrano tra loro e finiscono fuori.

Amaro in bocca per la Ferrari, penalizzate, in questa gara, dal fato negativo.

Due piloti “sotto investigazione”

La classifica, però, potrebbe cambiare ancora. A gara finita risultano “sotto investigazione” due piloti del podio: Kimi Raikkonen per un contatto con Ocon, in cui non è apparso colpevole e Sergio Perez per utilizzo dell’ala mobile fuori dallo spazio consentito. Si vedrà cosa deciderà la giuria, per questa Gran poremio che non finisce mai.

 

La Pole era andata a Vettel

 

 

Sebastian Vettel ha conquistato la pole position del Gp dell’Azerbaigian di F1, che si correrà oggi pomeriggio a Baku, con inizio alle 14,10 (diretta in esclusiva Sky). Il pilota tedesco della Ferrari ha firmato il tempo di 1’41″498 e dunque partirà dalla prima fila assieme al campione del mondo Lewis Hamilton, su Mercedes, che ha girato in 1’41″677 (+179) e prenderà il via dal secondo posto in griglia. L

Male il giro decisivo dell’altro pilota Ferrari Kimi Raikkonen, che ha accusato un ritardo di quasi un secondo (992 millesimi), facendo registrare il sesto tempo.

Vettel, alla terza pole consecutiva, e Hamilton partiranno dalla prima fila davanti a Valtteri Bottas (Mercedes, 1’41″837) e Daniel Ricciardo (Red Bull, in 1’41″911). Quinto tempo per Max Verstappen, con un tempo di 1’41″994, che affiancherà Raikkonen in terza fila. In quarta fila ci saranno le Force India di Ocon (1’42″523) con il settimo tempo e Perez (1’42″547) con l’ottavo.

Completano le prime posizioni Hulkenberg (Renault), in 1’43″066, nono tempo, e Sainz (Renault) in 1’43″351 con il decimo.

 

La lotta per la Pole rilancia anche Hamilton e Bottas

Oggi a Baku si lotta per la Pole (dirfetta alle 15 solo su Sky, differita su Tv8). Il pilota della Red Bull Daniel Ricciardo è stato il più veloce nella seconda sessione di prove libere del Gp di Formula 1 in Azerbaigian, sul circuito cittadino di Baku.

L’australiano (nella foto in apertura), vincitore nel 2017 sulla pista azera e dell’ultimo Gp, in Cina, ha chiuso con il tempo di 1.42.795, precedendo di un soffio la Ferrari di Kimi Raikkonen (+0.069) e il compagno di squadra Max Verstappen (+0.116). Quarto e quinto tempo per le Mercedes di Valtteri Bottas e Lewis Hamilton, staccate di otto decimi circa.

Undicesimo crono per il leader del Mondiale, Sebastian Vettel (+ 1.332), ma il tedesco della Ferrari ha fatto bene nel passo-gara.

 

Vettel: “Ferrari va bene, la pole sta in me”

“Questo è un circuito un po’ complicato, è difficile trovare il ritmo e basta un piccolo errore per non mettere insieme un giro. Io non ci sono riuscito ma sono contento del long run e alla fine va tutto bene. Il giro da pole? È tutto in me”: con queste parole il pilota della Ferrari Sebastian Vettel (nella foto qui sopra) dopo la prime due sessioni di prove libere per il Gp dell’Azerbaigian, che ha chiuso con l’11° tempo.

“Credo che la macchina vada bene e dopo un po’ di lavoro domani andrà anche meglio”, ha proseguito ai microfoni di Sky Sport il tedesco, che non è sembrato per nulla preoccupato nonostante il ritardo di 1,3 secondi dal migliore, Daniel Ricciardo.

Molto bene Kimi Raikkonen, secondo, e soddisfatto della sua SF71H. “Dopo una prima sessione non eccellente abbiamo fatti dei cambiamenti, che hanno funzionato – ha spiegato il finlandese -. Possiamo ancora migliorare e domani vedremo dove siamo”.

 

Vettel primo nennel terze libere

E, infatti, Sebastian risorge nelle terze libere, in cui oiazza la Ferrari al primo posto. Ma risorge anche Lewis Hamilton, secondo, mentre nelle prime libere andava a spasso. Terzo posto per Kimi Raikkonen, che conferma l’ottima forma. Quarto per la Red Bull di Verstappen, mentre stavolta Ricciardo è 12°. Se ne saprà di più al termine della lotta per la Pole.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto