Integratori anti-grassi, il test: quale funziona e quale è rischioso

Taglia grassi, taglia fame, taglia calorie. Sono tante, tantissime le promesse degli integratori dimagranti. Promesse a cui in molti credono, visto che in Italia, in testa al consumo di integratori a base di erbe con il 49,1% di consumatori sulla popolazione adulta, un prodotto su 10 viene acquistato al solo scopo perdere peso (dati Iss, 2014).

 

Sicurezza ed efficacia alla prova
Ma quanto sono efficaci, questi prodotti? E soprattutto, quanto sono sicuri?
Una risposta arriva dall’Istituto del consumo francese, che ha messo sotto la lente 20 integratori tra quelli più venduti sul web e nei canali di distribuzioni. (Qui in basso le schede relative a 11 di questi prodotti, che sono in commercio anche nel nostro paese).

 

Diabetici: attenti al Q10 e cromo
L’Istituto ha fatto analizzare in laboratorio questi prodotti per capire se la composizione corrisponda effettivamente a quanto dichiarato, e ha poi messo sotto la lente le etichette e le informazioni fornite al consumatore, scoprendo che non sempre la trasparenza è in cima alle esigenze dei produttori.
In alcuni prodotti, per esempio, ci sono componenti come il coenzima Q10 o il cromo, che non hanno alcuni effetto ma, come nel caso del metallo, possono aumentare la sensibilità all’insulina.

 

Efficacia dimostrata solo in vitro
Quanto al reale effetto sulla perdita di peso, il mensile scrive che: “Ci sono alcune sostanze che hanno mostrato in vitro un’efficacia limitata”, ma che “da qui a dimostrare che questi componenti, miscelati ad altri nelle composizioni
degli integratori abbiano l’effetto sperato sull’organismo, ce ne passa”. Gli stessi produttori, sollecitati dall’istituto a fornire gli studi che dimostrano l’efficacia dei loro prodotti, hanno risposto con il silenzio.
L’unico ad avere risposto positivamente è stato un produttore francese (quello di Lipo Redux), che ha inviato uno studio giudicato “non convincente”.
Vediamo però pregi e difetti dei composti più pubblicizzati.

 

Caffeina
L’apporto di caffeina arriva da ingredienti come guaranà, te verde, maté e cola. La loro presenza veniva tradotta in etichetta spesso come “brucia calorie”. Nel 2012 l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha bandito questo claim: i prodotti a base di caffeina non influiscono direttamente sulla perdita di peso, ma possono aumentare il metabolismo e favoriscono la lipolisi.

 

Estratto di te verde: contributo modesto
Oltre alla caffeina, che contiene in quantità non trascurabili, il tè verde (Camellia sinensis ), è ricco di catechine, una famiglia di polifenoli che ha l’effetto di stimolare, attraverso il sistema nervoso simpatico, l’ossidazione dei grassi. Questo avviene però in vitro. Gli studi sull’uomo hanno dimostrato un effetto positivo, ma modesto, sulla perdita di peso.

 

Fibre vegetali? Si salvano solo quelle di konjac, e solo se a dieta
Fibre vegetali solubili come la pectina sono spesso utilizzate per  “gonfiare”  lo stomaco e provocare un senso di sazietà. Hanno anche un’azione sull’assorbimento intestinale del glucosio e del colesterolo. Al momento, però, solo i glucomannani come le fibre di konjac (un ingrediente molto di moda ultimamente), possono giustificare in etichetta un claim come “contribuisce a perdere peso all’interno di un regime dietetico”. L’effetto desiderato viene raggiunto con un consumo quotidiano di 3 grammi di glucomannani in tre dosi al dì, con uno o due bicchieri d’acqua da bere prima dei pasti e durante un regime ipocalorico.

 

Sinefrina, un brucia grassi pericolosi
Presente nell’arancia amara (citrus  aurantium), è un taglia fame. Ma alcuni studi mettono in dubbio la sua azione effettiva sulla perdita di peso. Associato alla caffeina, inoltre, provoca problemi cardiovascolari. La dose quotidiana massima non dovrebbe infatti superare i 20 mg.
Ma qui è arrivata la sorpresa. Dalle analisi di laboratorio condotte dall’Inc è venuto fuori che molti prodotti contengono sinefrina, anche se non è dichiarata in etichetta.

 

Cla, attenti alle miscele
Alcuni tra gli acidi linoleici coniugati (Cla) possono inibire la secrezione di insulina, e per questo sono sconsigliabili a chi soffre di diabete. Quanto alla loro efficacia, gli studi danno risultati contraddittori. E anche se ad essere finiti nel mirino per gli effetti sull’insulina sono solo alcuni Cla, gli esperti sconsigliano in genere i prodotti che ne contengono miscele.

 

Farmaci e pompelmo, associazione pericolosa
Chi segue terapia farmacologiche particolari deve fare attenzione alla vitamina B6, presente in molti integratori (in Lipo-13, per esempio, ne contiene il 357% dell’apporto giornaliero consigliato), che inibisce l’efficacia dei medicinali anti Parkinson. L’estratto di pompelmo anche inibisce l’azione di molte molecole.

 

Il test dell’Inc


L’Istituto francese del consumo ha effettuato analisi di laboratorio per verificare se la composizione corrisponde a verità, l’esperto ha valutato l’adeguatezza delle informazioni fornite in etichetta, l’affidabilità e la precisione dei possibili effetti collaterali menzionati, la presenza di ingredienti aventi effetti secondari non indicati.

 

ar-action-dieteAction dieta 4 (Therascience)

Veridicità dei claims in etichetta Tra i componenti del prodotto, solo il tè verde può avere un’azione modesta sul metabolismo.
Rischi  Attenzione alla presenza di cromo, elevata. Chi assume statine dovrebbe evitarlo.
Giudizio Mediocre

 

 

ARKOCAPSULE-CITRUS-45CPSCitrus Aurantium (Arkopharma)

Veridicità dei claims in etichetta I componenti possono avere l’effetto pubblicizzato.
Rischi Non ve ne sono altri al di fuori di quelli menzionati in etichetta
Giudizio Sufficiente

 

 

Yves RochesDéfiligne Ventre piatto (Yves Roches)

Veridicità dei claims in etichetta Si tratta di un composto brevettato, è impossibile conoscere la composizione esatta del prodotto e valutarne l’efficacia in vitro.
Rischi Non riuscendo a definire la composizione esatta del prodotto, non è possibile sapere se il prodotto sia innocuo o contenga qualche componente problematico.
Giudizio Mediocre

 

 

a26174DuKan Devorcal

Veridicità dei claims in etichetta Potrebbe avere gli effetti pubblicizzati in etichetta, ma l’efficacia di certi principi attivi non è dimostrata.
Rischi Non si conosce l’esatta quantità di caffeina apportata dal guaranà , e non è possibile capire se il prodotto abbia altre controindicazioni oltre a  quelle menzionate in etichetta.
Giudizio Mediocre

 

 

Lipo-13Lipo-13 Bruciagrassi

Veridicità dei claims in etichetta Potrebbe avere gli effetti pubblicizzati in etichetta.
Rischi L’apporto di caffeina degli ingredienti non è indicato. E il prodotto va comunque evitato da chi assume statine. La vitamina B6, inoltre, può diminuire l’efficacia della terapia anti Parkinson. In caso di sovradosaggio l’associazione di garcinia cambodgia, di caffeina e di cromo può causare problemi muscolari.
Giudizio Mediocre

 

 

Pack-Topslim-3-en-1-framboise_chooseYourProductTopSlim 3 in 1 Oneobiol

Veridicità dei claims in etichetta Potrebbe avere gli effetti pubblicizzati in etichetta.
Rischi Non ci sono altre controindicazioni identificate oltre a quelle menzionate sull’imballaggio.,
Giudizio Buono

 

 

IT_Minceur24-2013Turbo Slim 24+
Veridicità dei claims in etichetta Potrebbe avere gli effetti pubblicizzati in etichetta. Ma la funzione di certi principi attivi, come il coenzima Q10 non è affatto dimostrata.
Rischi l’etichetta non indica che questo prodotto non può essere assunto in concomitanza con una terapia anticoagulante e in caso di diabete. per la presenza del coezima Q 10.
Giudizio Mediocre

 

 

 

shot-for-slim_1Shot for slim

Veridicità dei claims in etichetta L’estratto di te verde può contribuire a una perdita di peso modesta. L’azione degli altri principi attivi nella perdita di peso non è stata dimostrata.
Rischi In etichetta non si spiega che il prodotto non può essere assunto da donne in cinte, in allattamento, e da persone che soffrono di ipertensione. In caso di sovradosaggio il ginseng può avere effetti sulla pressione arteriosa.
Giudizio Mediocre

 

symetix-gelule-60-plus-capsule-60Symetix perdi peso

Veridicità dei claims in etichetta Potrebbe avere gli effetti pubblicizzati in etichetta.
Rischi Non è indicata la quantità di estratti vegetali contenuta. Va evitato da persone che assumono statine. L’etichetta tralascia di dire che il prodotto è controindicato in chi soffre di diabete e insufficienza renale o epatica. In caso di sovradosaggio la vitamina B 3 può interagire con alcuni medicinali.
Giudizio Mediocre

 

 

pack_brucia_grassiZenoctyl XLS Medical

Veridicità dei claims in etichetta Si tratta di un composto brevettato, è impossibile conoscerne la composizione esatta.
Rischi Non riuscendo a definire la composizione esatta del prodotto, non è possibile sapere se il prodotto sia innocuo o contenga qualche componente problematico.
Giudizio Mediocre

 

 

 

4-3-2-1-SLIM-DRENANTE-ULTRA-CONCENTRATO-RIBES-extra-big-26404 3 2 1 Slim drenante (Arkopharma)

Veridicità dei claims in etichetta Potrebbe avere gli effetti pubblicizzati in etichetta.
Rischi Non è indicata la quantità di estratti vegetali contenuta. L’estratto di pompelmo può inibire l’azione di certichemioterapici.
Giudizio Mediocre

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto