Arrestati Paolo Arata e il figlio Francesco, consulenti di Salvini per l’energia

Stamattina all’alba sono scattate le manette per Paolo Arata, l’ex deputato di Forza Italia ed ex consulente della Lega di Salvini per l’energia e il figlio Francesco. I due sono accusati di corruzione, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni.

 

Padre e figlio vicini a Matteo Messina Denaro

Secondo la Dda di Palermo Arata, padre e figlio, sarebbero soci occulti dell’imprenditore trapanese dell’eolico Vito Nicastri, che secondo gli inquirenti sarebbe vicino al boss latitante Matteo Messina Denaro, anche lui finito in carcere con il figlio Manlio. Agli arresti domiciliari anche il dirigente regionale Alberto Tinnirello.

 

Le perquisizioni di aprile

La svolta giudiziaria che ha portato all’arresto di Arata e del figlio è arrivata dopo le perquisizioni dello scorso 17 aprile da cui sarebbero emersi riscontri alle ipotesi d’accusa, rappresentata dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dal pm Gianluca De Leo. L’ordinanza è stata emessa dal gip Guglielmo Nicastro. Alcune società che gestiscono impianti eolici sono state sequestrate dalla Dia di Palermo.

 

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto