Gli operai: “Fermiamoci”, scioperi nelle fabbriche del Nord

Fim, Fiom, Uilm ritengono necessaria una momentanea fermata di tutte le imprese metalmeccaniche, “a prescindere dal contratto utilizzato, fino a domenica 22 marzo, al fine di sanificare, mettere in sicurezza e riorganizzare tutti i luoghi di lavoro”. E’ quanto chiedono i sindacati metalmeccanici in una nota congiunta, sottolineando: “I lavoratori sono giustamente spaventati”.

Scioperi nelle fabbriche al Nord dopo il nuovo Dpcm sul coronavirus che tuttavia non obbliga la chiusura di molte attività produttive.

Nelle provincie di Asti, Vercelli e Cuneo sono in corso fermate e scioperi nelle fabbriche con adesioni altissime, fa sapere la Fiom Cgil del Piemonte, che si riferisce a Mtm, Ikk, Dierre, Trivium.

Stop anche nel Bresciano.

“Nelle fabbriche si stanno determinando confusione e panico anche perché si registrano i primi casi di contagio che, in alcuni casi, non vengono resi pubblici dalle aziende”, dice la segretaria generale della Fiom Cgil Piemonte De Martino.  Sciopero di 8 ore nello stabilimento Fincantieri del Muggiano (La Spezia) dove i dipendenti diretti e dell’indotto hanno incrociato le braccia dopo che ieri è arrivata la conferma del contagio da coronavirus per un lavoratore. L’operaio era ricoverato da 13 giorni e ora è in terapia intensiva all’ospedale spezzino Sant’Andrea, i colleghi con cui è entrato in contatto sono in “quarantena”.

 

Incontro con sindacati e industriali

Domani il premier Conte incontrerà sindacati e industriali sul da farsi.

 

Positivi Gabbiadini e Rugani

I calciatori Gabbiadini (Sampdoria) e Rugani (Juventds) sono risultato positivi al test. In isolamento i protagonisti della partita Juventus-Inter di domenica scorsa, mentre si autosospende l’arbitro Guida, che l’ha diretta.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto