Camerota: l’ucciso da un masso in discoteca lavorava spesso come cameriere

È proprio l’estate no per le discoteche. Un giovane di 27 anni, Crescenzo Della Ragione, originario di Mugnano, un comune in provincia di Napoli, è morto ieri sera a Marina di Camerota, bel centro turistico in provincia di Salerno in un modo davvero incredibile. Il ragazzo, infatti, è stato colpito alla testa da alcuni frammenti di roccia che sono caduti da oltre 60 metri a causa di un violento nubifragio. Sul posto sono arrivati i carabinieri della compagnia di Sapri. Il locale è stato posto sotto sequestro dalla Procura di Vallo della Lucania.

aaaaciclopeuno

L’incidente – dicono i carabinieri – è avvenuto poco dopo mezzanotte. Il giovane si trovava nella discoteca all’aperto “Ciclope” (nelle foto che pubblichiamo), sistemata sotto un costone roccioso dal quale, durante un violento nubifragio, si sono staccati frammenti da un’altezza di circa 60 metri. Proprio la roccia veniva usata dai frequentatori del ciclope come una sorta di grande ombrello. Infatti uno dei post sulla pagina Fb, relativo ai giorni precedenti, dice “Se in serata o durante l’aperitivo inizia a piovere, prendiamo gli asciugamani, attraversiamo la strada e ci spostiamo live qui a Il Ciclope”. Ma stavolta la struttura ha tradito.

 

Lavorava spesso come cameriere

Era in vacanza con un gruppo di amici, ma forse non solo. Crescenzo Della Ragione si trovava all’interno del locale nelle vicinanze dell’ingresso quando improvvisamente è stato colpito dal masso e successivamente da pietrisco staccatosi dal costone a seguito di un violento temporale. Il ventisettenne – riferisce l’Agenza Ansa – “lavorava saltuariamente come cameriere”, probabilmente sulla stessa costa cilentana, affollatissima inqueste settimane d’agosto.

La salma di Della Ragione si trova nell’obitorio dell’ospedale di Vallo della Lucania. La Procura ha disposto l’esame autoptico che sarà effettuato dal medico legale Adamo Maiese nelle prossime ore.

La pagina Facebook della discoteca ancora non ha dato la notizia del tragico incidente.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto