MotoGp Catalogna: trionfano Dovizioso e Ducati, disastro Yamaha di Rossi e Vinales

Ancora una vittoria di Andrea Dovizioso con la Ducati. Doppietta italiana in Catalogna, che replica il Mugello. Al seocndo e al terzo posto le Honda di Marc Marquez e di Dani Pedrosa, al quarto un’altra Ducati, quella di Jorge Lorenzo.

A quattro giri dalla fine è caduto Danilo Petrucci, che era quarto e stava portando a termine una buona gara,

Disastro Yamaha. Avevano evitato di fare i test a Barcellona e hanno pagato cara questa scelta. Valentino Rossi si è classificato soltanto ottavo, senza mai riuscire a domare la sua moto. Peggio ancora Vinales, decimo su Yamaha, che a stento mantiene ancora la testa del mondiale, pressato però da Dovizioso, che ora è solo a 7 punti dal pilota spagnolo nella classifica mondiale.

In Pole position è partito Pedrosa su Honda

Dani Pedrosa partirà in Pole position nel Gp di Catalogna, settima prova del Mondiale MotoGp che si disputerà oggi sul circuito del Montmelò a Barcellona (diretta tv Sky, dalle 14, canale 208).

Il pilota spagnolo della Honda ha fatto segnare il tempo di 1’43″870. Accanto a lui in prima fila l’altro spagnolo Jorge Lorenzo (Ducati) e Danilo Petrucci (Ducati Pramac) con un ritardo rispettivamente di 331 e 350 millesimi. Quarto Marc Marquez (Honda), che ieri è caduto tre volte, settimo Andrea Dovizioso con la seconda Ducati ufficiale a 581 millesimi. Solo 13° Valentino Rossi, che continua col suo “momento No”.

Rossi: “poco grip, guidare così è un incubo”

“Mi aspettavo di soffrire un po’ meno perché avevamo delle soluzioni buone da provare sulla moto. Ma, come era già successo a Jerez, facciamo molta fatica quando l’asfalto ha poco grip”. Valentino Rossi, intervistato da Sky Sport, ha spiegato così la deludente tredicesima posizione in griglia nel Gp di Catalogna.

“Per qualche ragione la pista oggi è sembrata anche peggio di ieri. E quando fa molto caldo guidare diventa un incubo, tutto è difficilissimo con qualsiasi gomma – ha aggiunto il pilota Yamaha – Insomma, abbiamo dei grossi problemi. Sono stato anche un po’ sfortunato perché non sono entrato nella Q2 per un soffio.

“Partire tredicesimo sarà sicuramente un bel problema, anche perché il passo non è niente di speciale – ha proseguito Rossi – Sarà una gara dura”.

Un problema della Yamaha con le gomme

La resa delle gomme Michelin sembra il problema principale della Yamaha: “Le medie vanno un po’ meglio per cinque giri, solo che poi ce ne sono altri 20. Invece le dure vanno proprio male, dall’inizio alla fine. Quindi… Abbiamo ancora un po’ di tempo, speriamo di migliorare nel passo e poi vediamo domani”. Per limitare lo spinning al posteriore Vinales ha tentato la strada del taglio di potenza: “Lo fanno tutti, lo spinning diminuisce, ma vai più piano. Bisogna sempre trovare il giusto bilanciamento”.

 

La griglia di partenza

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto