Ragazzi: Destinazione Lampedusa (ma la mostra è a Roma, in via Nazionale)

Lampedusa è un’isola di cui sappiamo poco e molto, allo stesso tempo.

Sappiamo degli sbarchi, delle emergenze, dei problemi. Non sappiamo che i migranti e i profughi restano sull’isola per poco tempo (qualche giorno o qualche settimana) prima di essere destinati ad altri centri di accoglienza.

 

aaaalampe

Anche a Lampedusa ci sono tantissimi bambini

Sappiamo che tra i migranti ci sono tantissimi bambini. Non ci ricordiamo che anche a Lampedusa ci sono tantissimi bambini. Gli uni e gli altri non hanno a disposizione né una libreria né una biblioteca, uno spazio in cui trovare storie, condividerle, raccontarle.

 

E una piccola biblioteca grazie a Ibby Italia

Ma da qualche tempo, in seguito all’attivazione di un progetto di IBBY Italia, sezione della grande organizzazione internazionale che si occupa di promozione alla lettura, esiste una piccola biblioteca che i ragazzi e i bambini di Lampedusa autogestiscono e che ha l’ambizione di diventare uno spazio stabile di incontro e di lettura.

Un caleidoscopio di esperienze

Lampedusa è un’isola a cui approda un mondo, un caleidoscopio di culture, lingue, esperienze. Quali libri proporre, alla lettura, dunque? La risposta è stata immediata: i libri senza parole.
Esiste una magnifica offerta di narrativa per bambini (consigliatissima anche agli adulti) costruita sulle immagini. L’eccellenza internazionale di narratori “per immagini” è stata selezionata a livello mondiale e adesso questo percorso di storie per l’infanzia – “Libri senza parole. Destinazione Lampedusa” – provenienti dai cinque continenti, è visibile a Roma, al Palazzo delle Esposizioni di Via Nazionale, fino al 10 luglio 2015. Ingresso gratuito. Da non perdere.

 

Qui il sito di IBBY Italia

Qui il sito della mostra

 

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto