“Tre mele al giorno”: l’ex modella taglia 32 denuncia i “crimini” della moda

Per realizzare il suo sogno, sfilare in passerella, era disposta a tutto, anche a nutrirsi solo di 3 mele al giorno. Victoire Maçon Dauxerre, tuttavia, ha rischiato la vita a causa della perdita di peso che l’ha portata a indossare una taglia da bambina, la 32. Il racconto di quanto accaduto la modella lo affida a Instagram in cui spiega che il regime alimentare estremo lo ha seguito per 8 mesi.

“Vedi il tuo viso colorarsi di verde”

Quasi “nient’altro” che quelle 3 mele, “solo un po’ di carne o un po’ di pesce una sola volta a settimana. Avevo il polso eccessivamente debole, perdevo capelli, avevo l’osteoporosi e vivevo senza regole… Quando vedi il tuo viso colorarsi di verde, ti rendi conto rapidamente che hai un problema”.

La vicenda ricostruita in un libro

Il racconto di ciò che a Victoire è successo non è solo un’esperienza personale, ma una denuncia del mondo in cui lavorava: “L’imposizione di un corpo malato come ‘ideale di bellezza’ è un vero e proprio crimine”. Ora la ragazza sta meglio, è tornata alla taglia 38 e pesa 54 chili. Ma in un libro, “Mai troppo debole. Diario di un top-model” (nell’immagine sopra la copertina), fa riferimenti anche alle storie di colleghe. Vicende in cui l’ossessione del cibo, che porta anche alla bulimia, le porta all’autodistruzione.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto