Bambini: Mio nonno, storia semplice e bella

Piccole delizie si rivelano a chi apre un bel libro. La gioia di trovarsi tra le mani una storia semplice si prova con “Mio nonno” (La Nuova Frontiera, 40 pagine, 14 euro), opera coloratissima e profonda di Catarina Sabral, già nota ai lettori italiani per “Cimpa” (nella foto un suo disegno).
Scorrono sotto gli occhi i passaggi della vita normale di questo nonno che, da buon orologiaio, conosce il valore del tempo e, dunque, non si affretta. Piuttosto, lo asseconda, lo vive, lo valorizza con normali gesti quotidiani che prendono forza e significato se confrontati con quelli del nevrotico dottor Sebastiano, prigioniero di una vita che, pagina dopo pagina, si rivela scadente, superficiale, sfiancante.

Uomo quieto e ironico

Il nonno del titolo è, per l’Io narrante, uomo quieto, capace di ironia, gentile quanto basta, distratto a volte, naturalmente creativo, ricco di sentimento, pronto a innamorarsi.

Il povero Sebastiano – lo si intuisce  – potrebbe rivelarsi pari a lui ma le scelte di vita lo portano a ingabbiarsi in ritmi e abitudini che lo intristiscono.
Un libro da leggere insieme ai bambini per migliorare la vita degli adulti. Nonni compresi. Dai 5 anni.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto