Memoria: le donne ricordano meglio degli uomini, ma con la menopausa iniziano i problemi

Le donne sfoggiano una migliore memoria dei coetanei maschi: sono più puntuali nel ricordare date, anniversari, compleanni e molto altro. Ma la loro supremazia sesso scema con la menopausa, quando gli ormoni femminili (estrogeni) iniziano a diminuire. È quanto emerge da una ricerca su un campione di 212 individui di entrambi i sessi ed età compresa tra 45 e 55 anni, pubblicata sulla rivista Menopause, giornale ufficiale della North American Menopause Society (Nams).

I test di capacità mnemonica

Condotto presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston, lo studio è importante perché potrebbe far luce sui motivi per cui le donne hanno un rischio praticamente doppio di demenza rispetto agli uomini. Gli esperti hanno sottoposto il campione a una serie di test di memoria e funzioni cognitive e hanno visto che le donne di mezza età sono superiori agli uomini per capacità mnemonica, ma vanno incontro a un declino progressivo di pari passo con l’ingresso in menopausa.

Il ruolo degli estrogeni

Gli estrogeni, la cui concentrazione scende in menopausa, sono in effetti coinvolti nel buon funzionamento dei principali “messaggeri chimici” cerebrali, i neurotrasmettitori serotonina, dopamina e Gaba. Ecco dunque che i problemi di memoria e la confusione mentale spesso lamentate dalle donne in menopausa trovano spiegazione in tale declino delle concentrazioni di estrogeni.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto